in

6 segni rivelatori di una carenza di magnesio

Ti senti stanco più spesso di prima? Hai crampi muscolari o contrazioni alle gambe? Allora potresti avere una carenza di magnesio. Questo minerale essenziale è responsabile di molte importanti funzioni del corpo e una grave carenza di magnesio può portare a problemi di salute. Fortunatamente, ci sono diversi segnali che possono dirti se è necessario aumentare l’assunzione di magnesio. Continua a leggere per conoscere i sei segni rivelatori e cosa puoi fare per evitarli.

  1. Hai problemi a dormire.

Secondo uno studio recente, le persone con insonnia possono avere una carenza di magnesio. Lo studio ha rilevato che i livelli di magnesio erano significativamente più bassi nelle persone con insonnia rispetto a quelle che dormivano bene. Il magnesio è un minerale che svolge un ruolo importante nella regolazione del ciclo sonno-veglia. Si ritiene che una carenza di magnesio possa interrompere il ritmo naturale del sonno, il che può portare a problemi ad addormentarsi e dormire bene la notte.

  1. Sei sempre stanco.

Quando la maggior parte delle persone pensa al magnesio, lo immagina come un rilassante. Ed è vero che uno dei vantaggi del magnesio è che può aiutare ad alleviare le tensioni muscolari e favorire sensazioni di calma. Tuttavia, il magnesio è anche essenziale per la produzione di energia e una mancanza di magnesio può causare affaticamento. Infatti, il magnesio svolge un ruolo nella produzione di ATP da parte dell’organismo, la molecola che fornisce energia alle cellule. Le carenze di magnesio sono relativamente comuni e i sintomi possono includere affaticamento, debolezza e disturbi del sonno. Se sei ancora stanco, potrebbe valere la pena controllare i livelli di magnesio.

  1. Hai spasmi muscolari o crampi.

Il magnesio è infatti responsabile del rilassamento muscolare. Quando il livello di magnesio non rientra nelle norme, i muscoli possono essere tesi e persino spasmi. Ciò può causare dolore e disagio, oltre a una mobilità ridotta. Nei casi più gravi, la carenza di magnesio può anche portare alla paralisi. È quindi importante prestare attenzione ai segni rivelatori di una carenza di magnesio e assicurarsi che il tasso sia sempre nella norma.

  1. Sei ansioso o irritabile.

Quasi tutti sperimentano ansia o irritabilità di tanto in tanto, ma per alcune persone questi sentimenti sono più persistenti. Se ti senti teso o facilmente irritabile, potrebbe essere un segno di carenza di magnesio. Il magnesio è un minerale essenziale nel rilassamento muscolare, nella regolazione degli ormoni dello stress e nella trasmissione degli impulsi nervosi. Senza abbastanza magnesio, i nervi possono diventare sovrastimolati, causando sentimenti di ansia o irritabilità. Inoltre, il magnesio svolge un ruolo nella produzione di serotonina, un ormone responsabile della regolazione dell’umore. Una carenza di magnesio può quindi portare a squilibri nei livelli di serotonina, che possono contribuire a sentimenti di depressione o ansia.

  1. Soffri di mal di testa acuto o emicrania.

Mentre mal di testa ed emicrania possono avere cause diverse, la ricerca suggerisce che la carenza di magnesio può essere un fattore. In uno studio, i partecipanti con emicrania avevano livelli di magnesio più bassi. Dopo otto settimane di assunzione di integratori di magnesio, hanno riportato una significativa riduzione della frequenza e dell’intensità del mal di testa.

  1. Hai difficoltà a mantenere i movimenti intestinali regolari.

Il magnesio è infatti necessario per le contrazioni muscolari e i muscoli delle pareti intestinali dipendono dal magnesio per creare le onde peristaltiche che muovono il cibo attraverso l’apparato digerente. Senza abbastanza magnesio, queste contrazioni diventano deboli e irregolari, portando alla stitichezza. Inoltre, una carenza di magnesio può anche causare gas, dolore addominale e gonfiore. Se hai uno di questi sintomi, è importante parlare con il tuo medico per sapere se un integratore di magnesio è giusto per te.

Come aumentare l’assunzione di magnesio?

Spinaci, cavolo nero, fagioli neri, lenticchie, quinoa, bulgur, mandorle, semi di girasole, semi di sesamo, anacardi, arachidi, cioccolato fondente, acciughe, gamberoni, sardine, sgombro, riso integrale, castagne, banane, avocado, …

Gli integratori si presentano sotto forma di liquidi, compresse, polveri e capsule. È importante parlare con un medico prima di assumere integratori poiché possono interagire con determinati farmaci. Con un piccolo sforzo, è facile assicurarsi che il corpo assuma abbastanza magnesio.

* Presse Santé si impegna a trasmettere la conoscenza della salute in una lingua accessibile a tutti. IN NESSUN CASO LE INFORMAZIONI FORNITE NON SOSTITUISCONO I CONSIGLI DI UN PROFESSIONISTA SANITARIO.

L’anemia falciforme, la malattia genetica più comune alla nascita, sarà presto sottoposta a screening in tutti i neonati

Contrarre il Covid-19 più volte aumenta il rischio di gravi complicanze