in

Alta Garonna: dove sono gli hotspot in cui si sta diffondendo la zanzara tigre?

il necessario
Da diversi anni ormai gli abitanti dell’Alta Garonna lottano per convivere con la zanzara tigre. Ma dove ama nidificare questo parassita? Dove vive ?

“Siamo stati morsi dalla mattina alla sera”, ha detto qualche settimana fa un turista in vacanza a Grau-du-Roi. Un episodio senza precedenti di infestazione da zanzare ha rovinato le vacanze di molti giulisti prima che fosse attivato un programma di emergenza contro le zanzare. Anche quest’anno questo insetto è abbondantemente presente nei giardini e sui terrazzi. Ma dove cresce di più la zanzara tigre? Per comprendere appieno i movimenti della zanzara tigre, dobbiamo guardare come funziona. “Ci sono due fasi nella vita della zanzara, la prima è la fase larvale in cui vive in un ambiente acquatico. Il secondo è quando la zanzara si schiude ed è nella fase adulta. I maschi e le femmine si accoppiano molto rapidamente e hanno bisogno di sangue per sviluppare le uova”, spiega Fabrice Chandre, direttore della ricerca presso l’Istituto di ricerca per lo sviluppo (IRD).

1.500 figli in un mese

Si noti che la femmina può immagazzinare lo sperma e quindi in teoria ha bisogno solo di un accoppiamento per tutta la sua vita, che dura in media un mese. Durante questo periodo, la femmina può deporre da 80 a 100 uova ogni due giorni, il che equivale a 1500 figli. “La zanzara ha solo bisogno di un terriccio con acqua che sia presente in piccoli contenitori che possono stare in giardino, tazze o vasi di fiori… In sintesi, i luoghi di riproduzione dove la femmina depone le uova sono opera dell’uomo, noi siamo responsabili della proliferazione ,” aggiunge lo specialista. Di conseguenza, oggi più di 65 dipartimenti sono in rosso contro la zanzara tigre.

Un insetto viaggiatore?

Come si muovono le zanzare? “Non è un grande viaggiatore, è più un casalingo. Non appena c’è un po’ d’acqua stagnante e soprattutto di cibo, cioè il nostro sangue, rimane dov’è. Ha vitto e alloggio. In media lo è stima che abbia un centinaio di metri”, osserva il ricercatore. Ciò significa che se in una persona sono presenti delle zanzare, è senza dubbio perché è nata qui. Anche la zanzara tigre non è un buon insetto volante, ma non è raro da vedere al 2° o 3° piano di un edificio “In città dove l’habitat è molto denso ha sangue e luoghi di riposo in rovina e siccome non vola molto bene significa solo che si è stabilito lì dall’inizio. Le zanzare sono il luogo in cui le persone vivono”, afferma Fabrice Chandre dell’IRD. Come sottolinea Didier Fontenilles, entomologo medico e direttore della ricerca presso l’IRD, la zanzara tigre preferisce la città alla campagna. “È in Francia dal 2004, oltre gli anni che questa zanzara ha con il bottino il DNA ordinario si adatta all’uomo. Si stabilisce in città perché ha le condizioni ottimali per svilupparsi, molto sangue e piccole macchie d’acqua stagnante”.

Tra i luoghi apprezzati da questo parassita ci sono collettori d’acqua, scarichi dell’acqua piovana, annaffiatoi con un fondo d’acqua … “Anche in un giocattolo per bambini lasciato su una terrazza al 4 ° piano, c’è un fondo d’acqua e persone, si deposita “, dice Didier Fontenilles. Le uniche condizioni che la zanzara tigre non può tollerare: vento e caldo intenso. “Al di sopra dei 40 gradi cerca ombra ed è quindi necessariamente meno aggressivo. Inoltre non ama volare, quindi evita questo tipo di situazione “, sorride lo specialista. Oltre al suo potere fastidioso con questi morsi pungenti, la zanzara tigre è un problema di salute pubblica. Questa specie può infatti essere il vettore di un centinaio di virus o malattie, tra cui la febbre dengue, Zyka o persino chikungunya. Quindi la necessità di affrontare il problema in “Ognuno deve fare la propria parte e fare del proprio meglio per eliminare i luoghi di riproduzione dove si trova la femmina”, concludono i due ricercatori. La caccia è iniziata.

Trend di 4 settimane: tempo per le vacanze estive fino al 21 agosto

Karine Le Marchand parla delle vecchie abitudini del suo fedele compagno, Stéphane Plaza