in

Assicurazione sulla vita: i 5 atteggiamenti da adottare per il 2022

(Crediti fotografici: Adobe Stock - )

(Crediti fotografici: Adobe Stock – )

L’anno 2022, altamente volatile nei mercati azionari, sarà caratterizzato da un contesto macroeconomico senza precedenti: l’inflazione e la minaccia di una recessione stanno sconvolgendo i mercati legati alla guerra in Ucraina e alle sue conseguenze legate alle sanzioni economiche, alla recrudescenza del Covid catene di approvvigionamento e inasprimento monetario guidato dalle banche centrali che cercano un atterraggio morbido per l’economia. In questo periodo è difficile sapere quali investimenti fare!In questo articolo scopri 5 modi per adattare il tuo contratto di assicurazione sulla vita alle circostanze e fare le scelte giuste per il 2022.

Limita il fondo in euro

In primo luogo, dato il tasso di inflazione, che secondo INSEE ha raggiunto il 5,2% a maggio 2022, è consigliabile limitare gli importi in essere sul fondo Euro sottoperformante all’interno della propria polizza assicurativa sulla vita. Si noti che la performance media del fondo puro 2021 è stata solo dell’1,30% circa, ben al di sotto dell’inflazione. Il tasso di interesse reale di tale investimento è quindi negativo. E anche se i tassi ufficiali salgono, il che potrebbe portare a un miglioramento del rendimento del fondo in euro per il 2022, è probabile che il potenziale aumento del rendimento del fondo in euro sarà ancora ben al di sotto dell’inflazione.

Il fondo di assicurazione sulla vita in euro dovrebbe quindi essere alimentato con parsimonia. Mettine abbastanza per finanziare i tuoi progetti a breve termine. Se hai un orizzonte di investimento a medio termine, dovresti posizionarti sul lato unit-linked (UA), anche se sei relativamente avverso al rischio. Questo è il prezzo che devi pagare per generare prestazioni a lungo termine e non perdere i tuoi risparmi in valore assoluto.

Posizionati sugli indici

Se hai un orizzonte di investimento a lungo termine, il mercato azionario rappresenta una grande opportunità. All’interno delle assicurazioni sulla vita, puoi posizionarti investendo in ETF che replicano gli indici del mercato azionario. Questi sono in calo da inizio anno, un’opportunità per posizionarsi su livelli interessanti.

Investire nei principali indici azionari come l’MSCI World, il Nasdaq, l’S&P 500, il CAC 40, ecc. può quindi essere interessante nel contesto attuale per un investitore a lungo termine disposto ad assumersi dei rischi. Se vuoi selezionare tu stesso i tuoi titoli, è fondamentale essere molto selettivi, soprattutto in termini di rapporto di indebitamento e capitalizzazione di mercato. Faresti meglio a concentrarti su attività solide quando sei in un mercato ribassista e una recessione è in arrivo.

Attenzione, in tutti i casi si consiglia di investire in borsa a lungo termine. Se è chiaro che i mercati alla fine saliranno, potrebbero comunque scendere e nessuno può prevedere con certezza quando rientreranno nel mercato rialzista.

Presta attenzione al costo della tua assicurazione sulla vita

Una differenza di pochi punti base rappresenta una perdita di migliaia di euro in decenni. In tempi difficili, è imperativo che la performance dei tuoi investimenti non sia ridotta dalle commissioni. Seleziona il

migliore assicurazione sulla vita

prestando attenzione ai costi di alcuni veicoli unit-linked e in particolare OICVM, fondi a gestione attiva che possono sostenere costi significativi.

Per la tua assicurazione sulla vita, dai la preferenza a fondi di equità pulita i cui gestori si impegnano a non rimborsare le commissioni ai venditori o al sottoscrittore del contratto. In effetti, c’è un risparmio medio sui costi di 1,17 punti all’anno sui fondi azionari, o 1 punto sui fondi flessibili secondo i dati di Good Value For Money.

Leggi anche:

Assicurazione sulla vita: come aumentare il tuo fondo in euro?

Diversifica le tue disponibilità di risorse

Può anche avere senso se il tuo contratto di assicurazione sulla vita ti consente di diversificare la tua ricchezza posizionandoti nel mercato delle materie prime energetiche, agricole e minerarie, per cercare prestazioni in un contesto di prezzi in aumento per questi asset.

È possibile acquisire esposizione a questo mercato attraverso gli ETF offerti nei supporti unit-linked della propria polizza di assicurazione sulla vita. Tieni presente che da un contratto di assicurazione sulla vita non è possibile investire tramite contratti futures e altri derivati ​​complessi.

Si prega di notare che gli investimenti in queste attività dovrebbero essere considerati ai fini della diversificazione e quindi solo una piccola parte dell’importo residuo verrà spesa per essi, tenendo conto ovviamente del profilo di rischio.

Introduci una dose di beni immobili nella tua polizza di assicurazione sulla vita

Infine, sempre nell’ottica della diversificazione, ma anche perché è un mercato che solitamente resiste abbastanza bene in periodi di inflazione, possiamo rivolgerci al mercato immobiliare tramite SCPI, OPCI o SCI presenti nella UC del proprio contratto di assicurazione sulla vita.

Tieni presente che queste risorse dovrebbero essere viste a lungo termine e scelte con cura in linea con le tue aspettative e i tuoi obiettivi.

Segui la gara con noi

La Cina lancia il nuovo modulo della stazione spaziale