in

Avere un naso caldo aiuta a combattere meglio il raffreddore

pubblicato martedì 06 dicembre 2022 alle 17:35

Si sa che l’arrivo dell’inverno fa sempre rima con la stagione fredda.

Uno dei fattori che favoriscono queste comuni infezioni respiratorie: assembramenti indoor più frequenti e virus che sopravvivono meglio nell’aria più secca tra quattro mura. Ma se le basse temperature indeboliscano effettivamente il nostro sistema immunitario (e se sì, come) è meno certo.

Uno studio pubblicato martedì sul Journal of Allergy and Clinical Immunology descrive un nuovo modo in cui i nostri corpi attaccano gli invasori. E questo metodo funziona meglio quando fa caldo.

Queste scoperte potrebbero portare allo sviluppo di nuovi trattamenti per il comune raffreddore e altri virus, ha affermato AFP Mansoor Amiji, professore alla Northeastern University e coautore di questo lavoro.

La premessa è uno studio precedente che ha condotto nel 2018, che ha scoperto che le cellule del naso rilasciano vescicole extracellulari (EV), una nuvola di minuscole particelle che attaccano i batteri quando vengono inalate.

“La migliore analogia è quella del nido di vespe”, spiega Mansoor Amiji. Come i calabroni che difendono un nido quando vengono attaccati, i VE volano in sciami per attaccarsi e uccidere gli intrusi.

I ricercatori si sono poi posti due domande: gli EV vengono escreti anche in presenza di un virus? E se sì, la loro risposta è influenzata dalla temperatura?

Per i loro test, gli scienziati hanno utilizzato la mucosa nasale di volontari (sottoposti a intervento chirurgico per rimuovere i polipi) e una sostanza che riproduce un’infezione virale.

Risultato: gli EV sono ben prodotti contro i virus.

– “Prima spiegazione plausibile” –

Per rispondere alla seconda domanda, la mucosa nasale è stata divisa in due gruppi, dove le cellule sono state coltivate in laboratorio a 37°C o 32°C.

Queste temperature sono state scelte sulla base di test che hanno dimostrato che la temperatura nel naso scende di circa 5°C quando l’aria esterna scende da 23°C a 4°C.

In normali condizioni di temperatura corporea, gli EV sono riusciti a combattere bene i virus presentando loro “esche” a cui aggrapparsi, piuttosto che i recettori delle cellule che normalmente avrebbero preso di mira.

Ma a una temperatura più bassa, la produzione di EV è stata meno abbondante e si sono dimostrati meno efficaci contro i virus testati: due rinovirus e un coronavirus (non Covid), comuni in inverno.

“Non c’è mai stata una ragione molto convincente per cui c’è un marcato aumento dell’infettività virale durante i mesi più freddi”, ha affermato Benjamin Bleier, coautore dello studio e chirurgo presso la Harvard Medical School. “Questa è la prima spiegazione quantitativamente e biologicamente plausibile sviluppata”.

Questo lavoro, secondo Mansoor Amiji, potrebbe portare allo sviluppo di trattamenti per stimolare la produzione naturale di EV in modo da poter combattere meglio il comune raffreddore – o anche l’influenza e il Covid-19. “Si tratta di un’area di ricerca di grande interesse per noi, e senza dubbio continueremo su questa strada”.

Insolito aumento delle infezioni da streptococco A in Francia: tre morti, tra cui due bambini

Allarme salute: 107 farmaci considerati pericolosi o inefficaci, ecco la lista nera