in

Cecilie Uttrup Ludwig vince ad Epernay durante la 3a tappa, Marianne Vos resta gialla

In lacrime all’arrivo, Cecilie Ludwig non riusciva a crederci. Tuttavia, è stata lei a vincere martedì la 3a tappa a Épernay con un forte sprint davanti a Marianne Vos (Jumbo-Visma) e Ashleigh Moolman (SD Work). La danese è riuscita perfettamente nel suo tentativo, lasciando che i due piloti lanciassero lo sprint finale da lontano, regalando una giornata più felice del giorno prima al suo team FDJ Suez Futuroscope, che lunedì ha perso la sua leader, Marta Cavalli, dopo essere stato colpito da un australiano Nicole Frain.

Marianne Vos è ancora la maglia gialla di Silvia Persico (Valcar – Travel & Service) e Katarzyna Niewiadoma (Canyon – SRAM Racing), anche se ha mostrato segni di debolezza nell’ultima difficoltà citata della giornata, la costa di Mutigny.

Vos mostra i suoi limiti, anche Van Vleuten

Perché tutto è andato molto veloce quando si è avvicinato ai piedi di questa costa e l’avvicinamento è stato caotico. A 17 km dal traguardo, una doppia caduta ha sconvolto il gruppo e portato ad una prima selezione. I favoriti per la vittoria di tappa erano tutti avanti. Solo Mavi Garcia (UAE Team ADQ), caduta a terra, è stata ritardata, ma è rientrata rapidamente nel girone maglia gialla.

Questa maglia gialla che è andata male sotto l’impulso di Ashleigh Moolman. La sudafricana ha indossato la prima marcia e Marianne Vos ha segnato il tempo con Juliette Labous e Cecilie Uttrup Ludwig. In cima a Mutigny Hill, un ambizioso gruppo composto da Longo Borghini, Moolman, Garcia, Van Vleuten e Persico ha aperto la strada. Paradossalmente, mentre gli interessi tra i cinque corridori convergevano nella classifica generale, il rapporto non era dei migliori e non potevano impedire il ritorno del gruppo di Marianne Vos a 6,8 km dal traguardo.

Sul Monte Bernon, Kristen Faulkner ha scosso il gruppo di testa e ha fatto saltare in aria Annemiek Van Vleuten, grande favorita del Tour e vincitrice dell’ultimo Giro femminile. Se l’olandese fosse tornata nell’ultimo chilometro, non avrebbe potuto giocare per la vittoria di tappa.

Con “The Grey Man”, Netflix tira fuori la grande artiglieria e manca il bersaglio

La Cina promette l’anonimato per promuovere l’adozione dello yuan digitale