in

Covid-19: perché moltiplicare i contagi con il virus aumenta il rischio di gravi problemi di salute

il necessario
Un team di ricercatori americano ha esaminato i rischi di reinfezione da Covid-19. In uno studio, questi scienziati confermano quindi che moltiplicare le infezioni con il virus aumenta il rischio di sviluppare malattie gravi.

A due anni e mezzo dall’inizio della pandemia COVID-19, è uno studio molto atteso appena svelato in pieno giorno. Questo documento, pubblicato sulla rivista naturopatia Giovedì 10 novembre si parlerà delle conseguenze delle reinfezioni. Quindi chiunque sia stato infettato più volte da SARS-CoV-2 è a maggior rischio di sviluppare problemi di salute potenzialmente gravi. Lo studio è tanto più importante perché negli ultimi mesi, mentre il virus ha continuato a mutare, si sono moltiplicate le reinfezioni con il virus.

Leggi anche:
Covid-19: perché reinfezioni sempre più brevi possono aumentare il numero dei casi contati

Ma fino ad ora, le implicazioni di queste reinfezioni per i nostri organismi non sono state ben comprese. I ricercatori della Washington University di Saint-Louis sono quindi interessati a questo fenomeno. Per scoprirlo, hanno utilizzato un metodo insolito: hanno analizzato le cartelle cliniche anonime di 5,8 milioni di persone, provenienti dal National Health Care Database del Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti.

Di questo campione, quasi 443.000 di loro sono risultati positivi al Covid-19 almeno una volta tra il 1 marzo 2020 e aprile 2022. In questo gruppo di persone, 41.000 pazienti erano stati infettati dal virus più di una volta. Il 93% di queste 41.000 persone è stato infettato due volte, il 6% è stato infettato tre volte e quasi l’1% ha contratto il virus quattro volte. In totale, 5,3 milioni di persone in questo campione non sono mai state infettate.

Problemi al cuore, ai polmoni…

Gli scienziati hanno quindi cercato di confrontare le cartelle cliniche di questi diversi gruppi di persone. Hanno scoperto che “le persone che sono state reinfettate erano maggiormente a rischio di ogni sorta di problemi di salute indesiderati”, ha affermato l’autore principale Ziyad Al-Aly, un epidemiologo della Washington University di St. Louis. Pertanto, il documento stima che i problemi cardiaci e polmonari fossero quasi tre volte più comuni nei pazienti che avevano più reinfezioni. Infettarsi ripetutamente può anche portare a malattie del cervello, malattie renali o diabete.

Leggi anche:
Covid-19: L’hai già avuto e hai paura di contrarlo di nuovo? Vi diciamo tutto sulla reinfezione

Tuttavia, gli autori di questo studio riconoscono che la popolazione studiata mostra alcuni pregiudizi: il pannello di pazienti studiati era costituito principalmente da maschi bianchi e abbastanza anziani.

L’orgasmo alla gola è molto più comune di quanto pensi

I 7 sintomi di avvertimento del cancro orale