in

dallo Sri Lanka a Panama passando per l’Uganda, l’onda d’urto globale

I manifestanti marciano contro l'alto costo di cibo e benzina a Panama City, 12 luglio 2022.

Nessun continente è risparmiato. L’aumento dei prezzi ovunque sta alimentando la rabbia sociale e l’instabilità politica. Ape Sri Lanka, dove l’inflazione dei prezzi alimentari supererà l’80% in un anno e dove cinque famiglie su sei sono costrette a saltare un pasto, il presidente Gotabaya Rajapaksa è stato messo sotto accusa a metà luglio dopo essere fuggito dal paese. Diversi manifestanti sono stati arrestati in Uganda, dove il prezzo della benzina è raddoppiato negli ultimi cinque mesi.

A Panama, lunedì 18 luglio, il governo ha assicurato il rilascio di ponti e autostrade da parte dei residenti chiedendo prezzi più bassi per benzina e altri prodotti. “essenziale”, mentre in Ecuador, sei persone sono state uccise e più di 600 ferite in manifestazioni di popolazioni indigene, prima che il governo accettasse di rilasciare 700 milioni di dollari di potere d’acquisto. Più vicino alla Francia, il gruppo Facebook People of Ireland Against Fuel Prices, fondata in Irlanda, da aprile organizza blocchi per ottenere un tetto ai prezzi del carburante del governo.

L’aumento dei prezzi continua nell’economia globale. Nei paesi sviluppati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), dovrebbe essere il doppio di quanto previsto all’inizio dell’anno, raggiungendo un picco dell’8,5% nel 2022, un livello che non si vedeva dal 1988. stato raggiunto. dei paesi ha registrato un aumento annuo dei prezzi superiore al 5%.

Una piaga economica quanto un pericolo politico

Questa ondata di inflazione è iniziata nel 2020, quando la domanda, spinta dai piani di stimolo post-Covid dei governi, si è spostata verso i beni a scapito dei servizi. Questo perché le fabbriche hanno chiuso a causa di restrizioni sanitarie, interrompendo le catene di approvvigionamento. Il movimento è proseguito con l’invasione russa dell’Ucraina, due paesi che forniscono una quota significativa delle esportazioni mondiali di prodotti agricoli ed energia.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Inflazione: perché tali divari in Europa?

Questo surriscaldamento sta già sconvolgendo la vita quotidiana nei cinque continenti. In Australia, la foto di una lattuga venduta a 11,99 dollari in un supermercato del Queensland ha acceso i social network e scatenato una mini tempesta politica. Gli australiani stanno ora imparando a coltivare le verdure in casa su YouTube e i proprietari di ristoranti stanno ricreando i loro menu senza zucchine, broccoli o cavolfiori, i cui prezzi sono aumentati vertiginosamente. In Nigeria, dove l’inflazione annuale era del 19% ad aprile, i fornai stanno ora mescolando farina di frumento con farina di patate dolci di produzione nazionale per limitare l’aumento dei prezzi e fidelizzare i propri clienti.

Hai ancora il 60,2% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

La carta di credito registra molti dati sul nostro comportamento di acquisto o sui nostri movimenti… Ma cosa sanno di noi le banche?

Assassinio di Hearthstone al castello di Nathria: ci abbiamo giocato, tutto quello che c’è da sapere!