in

di fronte al rischio di carenza di paracetamolo, le autorità stanno adottando misure

ioIn particolare, l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali (ANSM) raccomanda alle farmacie di dare la priorità alla prescrizione di farmaci paracetamolo e di limitarli a due caselle per i pazienti che non hanno una prescrizione.

Articolo scritto da

pubblicato

Aggiornare

Momento della lettura : 2 minuti.

Un mercato serrato. da due settimane, gli acquisti da Doliprane, Dafalgan ed Efferalgan sono stati razionati. “Ad oggi si registrano ritardi nella consegna di forme orali e supposte di paracetamolo”ha spiegato l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali (ANSM) nel suo: sito web 12 luglio. L’agenzia misure per evitare la carenza di scorte a seguito della ripresa dall’epidemia di Covid-19. In particolare, ha raccomandato che le farmacie preferiscano dispensare questi farmaci da prescrizione a base di paracetamolo e limitarlo a due cartoni per i pazienti da banco.

L’agenzia ha fatto in modo che “distribuire le scorte in modo equo sul territorio e mantenere le scorte disponibili nel tempo”. È inoltre vietata l’esportazione di questi medicinali da parte dei grossisti. Dopo l’estate, però, si prevede un ritorno alla normalità. Queste misure lo renderanno possibile “tutti i pazienti hanno accesso al farmaco”, ha assicurato AFP Mélanie Cachet, vicedirettore del servizio ispettivo dell’ANSM. L’agenzia ha chiarito che la fornitura di paracetamolo (in tutte le sue forme) agli ospedali è assicurata.

Sulla scia di questi annunci, il gruppo Sanofi ha assicurato che c’è “Nessun rischio di rottura del paracetamolo in Francia” e lo conferma “tutti i (suoi) team sono mobilitati al massimo per soddisfare al meglio le esigenze dei pazienti”. Upsa, che confeziona i suoi medicinali nello stabilimento di Agen (204 milioni di scatole prodotte lo scorso anno, di cui 115 per il mercato francese), ha confermato in Le Figaro (per gli abbonati): “Possiamo garantire la continuità di accesso ai nostri farmaci. Non c’è nessun arretrato di ordini e stiamo monitorando da vicino la situazione”.

“Rifiuteremmo qualsiasi ordine anormalmente alto”ha assicurato Laure Lechertier, direttrice dell’accesso al mercato di Upsa, che ha aggiunto più di un mese di azioni nelle farmacie. “Abbiamo sempre avuto una forte domanda dall’inverno, a causa del Covid e dell’influenza, quindi le scorte non vengono rifornite”ha osservato Philippe Besset, presidente del sindacato dei farmacisti FSPF (Federation of Pharmaceutical Unions of France), che ha anche riferito “tensioni, ma nessuna frattura”.

Le tensioni sul paracetamolo sono esistite in passato, specialmente durante la prima ondata di Covid nel marzo 2020, ha ricordato l’ANSM all’AFP. Misure simili sono state adottate per mantenere le scorte.

Haidach, l’enorme giacimento di gas austriaco che risveglia tutti i desideri

Dany Boon vittima di una truffa multimilionaria in Irlanda