in

Due figure di spicco licenziate dal parlamento su richiesta di Volodymyr Zelensky

Questa è la prima grande revisione dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. Volodymyr Zelensky Annunciata domenica sera licenzia il suo capo della sicurezza e il procuratore generale sotto forma di decreti presidenziali. Il primo, Ivan Bakanov, amico d’infanzia del capo dello stato, e Iryna Venediktova, sono stati sospesi. Nel suo video discorso quotidiano, il capo di stato ucraino li ha poi criticati per gli sforzi insufficienti nella lotta contro spie e dipendenti di Mosca.

Più di 650 indagini su “alto tradimento” e “cooperazione” con obiettivi di Mosca da parte della procura e delle forze dell’ordine ucraine, sollevando “questioni molto serie” sui due leader, ha sottolineato il presidente. Su sua richiesta, il parlamento ha votato martedì sulle dimissioni delle due parti interessate. “Tutti si aspettavano” da loro “risultati più tangibili” nell'”epurazione di collaboratori e traditori” che si erano infiltrati, ha annunciato lunedì un vice capo dell’amministrazione presidenziale, Andrii Smyrnov.

“Il presidente e il suo gabinetto non sono stati contenti del lavoro di Bakanov e Venediktova per molto tempo” e l’invasione russa ha ulteriormente esacerbato la tensione, ha stimato dal canto suo il politologo ucraino Volodymyr Fessenko.

alto tradimento

Separatamente, negli ultimi mesi almeno tre alti funzionari della SBU sono stati accusati di alto tradimento contro Mosca. Uno di loro, Oleg Koulinitch, licenziato a marzo e arrestato domenica, risiedeva a… Cherson.

Situato alle porte della penisola ucraina di Crimea annessa da Mosca nel 2014, questa regione strategica è stata occupata dalle forze russe molto rapidamente dopo l’inizio dell’invasione, portando il governo ad essere accusato di aver preparato male le sue difese. “Quest’uomo avrebbe dovuto aiutare Bakanov, stava lavorando con i servizi speciali russi. È stato un fallimento molto grave, secondo me è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per Zelensky”, analizza Volodymyr Fessenko.

Risultati insoddisfacenti

Zelensky ha anche licenziato il capo della SBU in questa regione, Serguii Kryvoroutchko, alla fine di marzo. Un altro funzionario regionale della SBU è sospettato di aver fornito ai russi mappe segrete dei campi minati che ne ostacolerebbero il progresso, ha affermato il capo del consiglio regionale.

Il presidente ucraino ha annunciato lunedì sera una “valutazione dei dirigenti” all’interno della Sbu, in cui ha specificato che 28 dei suoi agenti sarebbero stati presto licenziati per “risultati insoddisfacenti” e avrebbero licenziato uno dei vice di Bakanov nel processo.

sostituti docili

Per molti in Ucraina, questo rimpasto sembra essere una manovra per rafforzare il controllo del capo di stato sulla polizia, poiché i successori di Ivan Bakanov e Iryna Venediktova sono visti come più docili. Volodymyr Zelensky ha sostituito i funzionari licenziati con i rispettivi vice – Vassyl Maliouk e Oleksiï Symonenko – nominandoli personale ad interim.

“E’ chiaro” che questi uomini eseguiranno “tutti gli ordini politici” della presidenza, è citata dal sito di Forbes Ucraina Tetiana Shevtchouk, esperta del Center for Action Against Corruption della Ong ucraina.

Mentre l’Ucraina, sotto la pressione dell’Occidente, è pronta ad avere un procuratore anticorruzione indipendente, il nuovo procuratore generale avrà i mezzi per “bloccare o annullare” le decisioni di quest’ultimo secondo i desideri della presidenza, avverte il direttore. di questa ONG, Vitaly Chabounine.

Valneva sospende la produzione di vaccini dopo il downgrade degli ordini europei

La sorprendente fiducia di Chantal Lauby nella loro storia!