in

Guerra in Ucraina: la Russia ammette il porto di Odessa. aver attaccato

GUERRA IN UCRANA – La Russia cambia tono. Dopo aver assicurato che non aveva nulla a che fare con il… scioperi che hanno colpito il porto di OdessaMosca ha annunciato questa domenica 24 luglio di aver effettivamente distrutto il giorno prima Nave militare ucraina e missili forniti dal stati Uniti.

“I missili a lungo raggio ad alta precisione lanciati dal mare hanno distrutto una nave militare ucraina ancorata e una scorta di missili antinave Harpoon forniti dagli Stati Uniti al regime di Kiev”, ha affermato oggi il ministero della Difesa russo in una nota. questo è il quinto mese dall’inizio del conflitto.

“Anche una fabbrica per la riparazione e la modernizzazione delle navi militari ucraine è stata dismessa”, ha affermato il ministero in una nota sul suo account Telegram. All’inizio della giornata, la portavoce della diplomazia russa Maria Zakharova ha detto che un “incrociatore militare” ucraino era stato distrutto durante lo sciopero.

L’accordo sull’esportazione di grano è già stato silurato

“I missili Kalibr hanno distrutto le infrastrutture militari nel porto di Odessa, con un attacco molto preciso”, ha scritto su Telegram, in risposta a una dichiarazione del presidente ucraino. Volodymyr Zelensky affermare che questi scioperi avevano distrutto la possibilità di dialogo o accordo con Mosca. Né l’esercito russo né Maria Zakharova hanno fornito alcuna prova per dimostrare queste affermazioni. L’AFP non ha potuto confermare questi annunci da una fonte indipendente.

Dopo queste sparatorie a Odessa, l’Ucraina ha accusato Vladimir Putin di “sputare in faccia” all’Onu e alla Turchia e di aver messo in pericolo l’applicazione dell’accordo firmato venerdì. ripresa delle esportazioni di grano bloccato dal conflitto.

Un portavoce dell’aviazione ucraina ha affermato che “il porto di Odessa, dove viene lavorato il grano per la spedizione, è stato bombardato. Abbiamo abbattuto due razzi e altri due razzi hanno colpito il territorio del porto, dove chiaramente c’è del grano”.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia – due paesi che rappresentano principalmente il 30% delle esportazioni mondiali di grano – ha portato a un aumento dei prezzi del grano e del petrolio, lasciando il continente africano, che è fortemente dipendente da questi paesi, è stato duramente colpito.

La guerra sta entrando nel suo 6° mese

La guerra in Ucraina, che sta entrando nel suo sesto mese, non subirà ritardi sulle linee del fronte di Mykolaiv (sud), nella regione di Kharkov, la seconda città più grande del Paese nel nord-est, nella regione di Kherson (sud), e secondo alla presidenza ucraina nelle due aree separatiste filo-russe di Donetsk e Lugansk nell’Ucraina orientale.

“Mykolaiv è stato bombardato di nuovo domenica mattina” dopo essere stato preso di mira da quattro missili da crociera di tipo Kalibr sabato notte, ferendo cinque persone, tra cui un adolescente e danneggiando diversi edifici, secondo questa fonte.

La presidenza ucraina ha anche riferito di bombardamenti nella regione di Kharkiv, dove “diversi edifici residenziali sono stati danneggiati e edifici residenziali sono stati dati alle fiamme”.

Almeno 5.000 morti, di cui 300 bambini

Inoltre, Kiev segnala una situazione preoccupante nella regione di Kherson, che è stata in gran parte occupata dalle forze russe dall’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, anche se gli ucraini vi contrattaccano. “I residenti di quasi tutti i distretti della regione (…) riferiscono numerosi bombardamenti ed esplosioni”, ha affermato la stessa fonte.

La guerra in Ucraina, che ha anche costretto all’esodo di milioni di persone, ha causato migliaia di vittime. Non esiste una valutazione complessiva delle vittime civili del conflitto, ma l’ONU ha contato quasi 5.000 morti accertate, tra cui più di 300 bambini, anche se il numero reale è senza dubbio molto più alto. Per la città Mariupol (sud-est), le autorità ucraine parlano di circa 20.000 morti.

Militarmente, il capo delle forze armate britanniche, l’ammiraglio Tony Radakin, domenica scorsa ha stimato il numero di soldati russi uccisi o feriti a 50.000. Kiev ha riportato 10.000 morti nelle sue truppe. Non sono disponibili statistiche indipendenti. Secondo’UNESCOanche più di 150 siti culturali furono parzialmente o completamente distrutti.

Vedi anche su The Huffpost: Guerra in Ucraina: nuovi attacchi mortali russi, Zelensky condanna “l’atto terroristico”

Inflazione e vacanze: gelato, rosato, nettarine… questi prodotti di punta dell’estate i cui prezzi salgono

Sophie Tapie al microfono: il suo momento di gloria per il mondo intero