in

i farmacisti possono ora somministrare tutti i vaccini prescritti dal medico e i booster di vaccino

SAlleggerire i medici e aumentare la copertura vaccinale degli adulti, questo è il duplice obiettivo di: la nuova convenzione farmaceutica nazionale che dal 7 novembre autorizza i farmacisti a somministrare tutti i tipi di vaccini e booster.

>> Covid-19, influenza, bronchiolite… La mascherina “diventa di nuovo necessaria”, secondo l’Accademia di Medicina

Questa è un’altra abilità per la professione e un cambiamento importante per i pazienti, afferma Matthieu Saulnier, farmacista a Nanterre: “Dovevano andare dal medico, avere una prescrizione, tornare per prendere il farmaco e poi fissare un altro appuntamento, il che significava molte consultazioni per non necessariamente un beneficio medico comprovato. Ora le farmacie potranno partecipare a questo sforzo”.

“Il vantaggio è che i pazienti perdono meno tempo o vengono trattati più velocemente”.

Matthieu Saulnier, farmacista a Nanterre

a franceinfo

Fino ad allora, i farmacisti potevano vaccinare contro l’influenza e il Covid-19. L’elenco viene ora ampliato a 14 nuovi vaccini. “Il più importante nei vaccini da prescrizione, dice Matthieu Saulnier, [sont] virus del papilloma, tutto il tetano, pertosse, vaccini di richiamo della poliomielite, richiamo dell’epatite, [ce ont] il più importante che vediamo ogni giorno”.

Quindi secondo il sito web del Collegio dei Farmacisti, Oltre ai vaccini antinfluenzali stagionali già somministrati, i farmacisti abilitati sono autorizzati a somministrare vaccini, su prescrizione medica del prodotto, contro difterite, tetano, poliomielite, pertosse, papillomavirus umano, infezioni da pneumococco, virus dell’epatite A e B, meningococchi di i sierogruppi A, B, C, Y e W e contro la rabbia.

Queste iniezioni in farmacia sono riservate ai pazienti di età superiore ai 16 anni. “Evita di aspettare troppo a lungo con i medici, Il giudice Lili, cliente della farmacia di Nantes. Devi avere già un appuntamento. Poi aspetta in sala d’attesa, mentre lì le cose vanno abbastanza veloci”. François, un altro cliente, concorda: “Sono totalmente d’accordo. Penso che sia davvero una buona idea. Inoltre, consente di risparmiare denaro perché significa meno visite mediche”. Ogni vaccinazione viene addebitata dal farmacista 7,50 euro.

Nei prossimi mesi, anche i farmacisti dovrebbero essere in grado di prescrivere questi vaccini da soli. Stanno solo aspettando il via libera dal parlamento.

Per l’Accademia Nazionale di Medicina “La maschera diventa di nuovo necessaria”

Vaccinazioni in farmacia: Covid-19, influenza, DTP… cosa cambierà da lunedì 7 novembre