in

Il budget per le Olimpiadi del 2024 sarà “condizionato dall’inflazione”, sottolinea Tony Estanguet

“Il nostro obiettivo è mantenere il controllo del budget come abbiamo fatto dal primo giorno”ha risposto lunedì 25 luglio a france info Tony Estanguet, presidente del comitato organizzatore delle Olimpiadi 2024, mentre Emmanuel Macron in mattinata un “riunione in loco” con una decina di ministri, compresi quelli dello Sport e dell’Interno.

franceinfo: Perché questo slogan, svelato oggi: “Open the Games wide”?

Tony Estanguet: Ciò è in linea con l’ambizione di tenere per la prima volta la cerimonia di apertura nel centro della città, sulla Senna. Per spostare i Giochi fuori dagli stadi: ai piedi della Tour Eiffel, nei giardini della Reggia di Versailles, nel Grand Palais, sugli Invalides. E poi significa anche che i Giochi sono ampiamente aperti alle sfide della nostra società. Ad esempio, riducendo le emissioni di CO2: vogliamo dimezzare l’impronta di CO2 dei Giochi rispetto alle precedenti edizioni. Oppure affrontando la sfida della parità: per la prima volta nella storia dei Giochi, al via delle gare saranno presenti altrettanti atleti, uomini e donne.

Una delle soluzioni citate dall’Eliseo per compensare l’aumento della spesa legata all’inflazione è quella di toccare la “riserva per imprevisti” [une enveloppe de secours de 315 millions d’euros prévus dans le budget]. Non è un po’ rischioso?

Il nostro obiettivo è tenere sotto controllo il budget, come abbiamo fatto dal primo giorno. Il budget per i Giochi è di 4 miliardi di euro, di cui il 98% finanziato da fondi privati. Avevamo effettivamente pianificato una riserva di 315 milioni per gli imprevisti. Entriamo ora negli ultimi due anni di preparazione. Soprattutto, questa riserva non può essere consumata in un anno, ma è destinata ad essere spesa e utilizzata per il successo dei Giochi. Questa è quindi una delle opzioni che verranno discusse nei prossimi mesi.

Tra il Covid e la crisi internazionale, non siamo stati risparmiati. Sì, ci sarà inflazione. E sì: Parigi 2024, come tutte le aziende in Francia, sarà colpita da questa inflazione. Sta a noi trovare soluzioni per risparmiare sui costi o cercare partner per aumentare ancora di più il budget.

Sul fronte della sicurezza, i colloqui di questa mattina non hanno messo in dubbio la cerimonia di apertura della Senna e della Concorde. È un sollievo per te?

Sono stato molto calmo su questo argomento perché la sicurezza è stata una priorità sin dal primo giorno di Parigi 2024. Quando abbiamo deciso di organizzare questa cerimonia di apertura sulla Senna, è stato dopo molti mesi di discussioni su questi problemi di sicurezza. Quindi, infatti, il Presidente della Repubblica e il Ministro dell’Interno hanno ribadito il loro pieno sostegno a questo concetto. Eccoci in una fase operativa: stiamo mettendo in atto misure di sicurezza eccezionali per un evento eccezionale. Saremo osservati da oltre un miliardo di persone durante questa cerimonia, quindi vogliamo che la Francia brilli. Per vedere un grande momento di festa, di orgoglio nazionale.

Florent Pagny parla della sua morte? “Morirò con il sorriso sulle labbra”, esprime nei suoi ultimi istanti!

+2,01%! Quale profitto sulla tua busta paga?