in

il governo pronto per uno sconto di 30 centesimi al litro, per favore repubblicani

TotalEnergies ha promesso uno sconto alla pompa di 20 centesimi al litro tra settembre e novembre (poi 10 centesimi fino a fine anno).

In un compromesso con i delegati Les Républicains (LR), che hanno chiesto ” più lontano ” Per aiutare i francesi di fronte all’aumento dei prezzi del carburante, il ministro dell’Economia Bruno Le Maire si è detto favorevole ad aumentare lo sconto alla pompa da 18 a 30 centesimi al litro sabato 23 luglio.

“Lo sconto può salire da 18 a 30 cent a settembre e ottobre, poi fino a 10 a novembre e 10 a dicembre”ha affermato il ministro. Con lo sconto di 20 cent alla pompa annunciato venerdì da TotalEnergies, “avresti carburante in alcune stazioni di servizio in Francia per 1,50 euro” — una soglia difesa da LR, ha proseguito.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Il prezzo del carburante al centro della lotta con l’opposizione per affrontare il bilancio rettificativo

Abrogazione degli emendamenti repubblicani

Di fronte alla minaccia brandita dai deputati di una tassa sul “super profitti”il colosso petrolifero ha promesso uno sconto alla pompa di 20 centesimi al litro tra settembre e novembre, poi di 10 centesimi fino a fine anno.

Bruno Le Maire ha anche suggerito ai delegati di LR di “ritardo” l’indennità di carburante per i trasporti, rivolta ai grandi cavalieri e alla classe operaia, ma criticata dalla destra, chiedendo un provvedimento “molto diffuso”. Infine, il sindaco ha richiamato un provvedimento specifico per: “piccole stazioni rurali”disposizione rivendicata anche da LR.

Il gruppo Les Républicains, soddisfatto di questi annunci, ha ritirato i suoi emendamenti e ha aperto la strada all’approvazione dello sconto. “Abbiamo giustamente appoggiato questa proposta di avere carburante a 1,50 euro perché ci arriveremo e i francesi ci ringrazieranno per la perseveranza”ha accolto Veronique Louwagie.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Potere d’acquisto: l’esecutivo inizia una nuova maratona in parlamento

“Conosci molte stazioni Total in campagna? »

“Che sorpresa, ci rendiamo conto che la maggioranza ha raggiunto un accordo con Les Républicains”, ha scherzato il comunista Nicolas Sansu. “Annunciate qualcosa (un litro per 1,50 euro) che sarà vero a settembre, che non sarà più così a ottobre, che sarà ancora meno vero a novembre e per niente a dicembre” a causa dell’inflazione, ha denunciato. “Conosci molte stazioni Total in campagna? Estremamente raro!da parte sua, ha affermato il centrista Charles de Courson (Gruppo Libertà, Indipendenti, Oltremare e Territori). Non puoi aggiungere i due. »

Anche il gruppo “ribelle” ha criticato questo accordo, sostenendo che 1,50 euro di carburante sarebbero efficaci solo “in alcune stazioni di servizio” e in un certo senso “temporaneo”. I delegati della LFI sollecitano a “congelare il prezzo del carburante” Quella “non costa un centesimo”. “È stato fatto sul gel idroalcolico”ha osservato Manuel Bompard, che propone anche di ridurre la tassa sul carburante “galleggiante”.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti L’Assemblea nazionale approva la legge sul potere d’acquisto dopo una notte turbolenta

Il mondo con AFP

Foot PSG – PSG: Galtier-Campos, primo diverbio su Kalimuendo

Queste immagini del prosciugato Great Salt Lake nello Utah sono agghiaccianti