in

Il PSG rinnova Aminata Diallo. non

La divisione femminile del PSG ha iniziato la stagione mercoledì. Nel girone convocato dal nuovo allenatore, Gérard Prêcheur, non sono comparsi i nazionali attualmente all’Euro (Karchaoui, Diani, Geyoro, Baltimora…) e nemmeno Marie-Antoinette Katoto, infortunata (menisco, ginocchio) che deve iniziare , nei prossimi giorni, la sua riabilitazione. Tra gli assenti notevoli, Kheira Hamraoui.

Come rivelato dai nostri colleghi di parigino, il centrocampista del PSG (32) non è più il benvenuto nel club. I dirigenti stanno cercando di liberarsi di questo elemento esperto il cui spogliatoio non vuole più dalla famosa vicenda del 4 novembre. Durante le sue audizioni con la polizia, la nazionale francese (39 squadre), vittima di violenti pestaggi quella notte, aveva coinvolto alcuni giocatori parigini o il loro entourage. Questo gli aveva guadagnato l’inimicizia dei dirigenti.

Il frutto di una riflessione sportiva

Mercoledì non si è presentata tra le sue compagne un’altra giocatrice: Aminata Diallo. Quella di mezzo, che è stata trattenuta in custodia cautelare nel contesto di questo caso (senza alcuna accusa a suo carico), ora sa di più sul suo futuro sportivo. Il PSG le ha detto molto di recente che non aveva intenzione di rinnovarla (era in scadenza di contratto a giugno).

Questa scelta ha sorpreso internamente e ha suscitato nelle ultime ore reazioni piuttosto forti da parte delle sue compagne. Nell’ambito di alcuni file di estensione ed in particolare di quello eminentemente simbolico di Maria Antonietta Katoto (vicino a Diallo), è stato citato il caso di quello di mezzo (27 anni). Il PSG si impegna verbalmente con diversi giocatori a prolungare il contratto di locazione di Aminata Diallo. Il club afferma che questa decisione è frutto di una riflessione sportiva e contesta il fatto che abbia affidato Diallo ai compagni.

Sposato a prima vista: Frédérick presenta il suo nuovo tesoro, la sua ex Emilie reagisce amaramente a questa notizia!

L’OMS prevede di mantenere la malattia in cima all’agenda