in

il regista e quattro dirigenti che stanno per essere licenziati

La soap opera continua nel negozio Hyper U di Exincourt. Il direttore Karim Soufari e quattro manager (NdR: su dozzine nell’ipermercato) vengono licenziati dal loro capo Jérôme Bourgeat e convocati per un colloquio prima delle dimissioni la prossima settimana. Lo scorso maggio, Karim Soufari era già sul punto di essere licenziato. La notizia aveva commosso gran parte del personale, che ha scioperato oltre a quattro dirigenti che avevano messo a bilancio le proprie dimissioni. Una solidarietà che aveva permesso di restaurare il regista.

I quattro dirigenti hanno scioperato

Oggi sono gli stessi dirigenti di alto profilo che stanno per essere licenziati con il regista. Ne sono convinti i clienti coinvolti, come i sindacati: per loro “non è un caso”.

“Si è calmato per 15 giorni e poi si è seduto sulla nostra schiena”, dice uno di loro. Tutti denunciano una forma di intimidazione, che sarebbe iniziata “dopo lo sciopero”. “Quando non vogliono più qualcuno, diventano schizzinosi e sparano a tutto per dimostrare i nostri errori”.

Jérôme Bourgeat: “Sono stati commessi gravi errori”

Una versione contestata da Jérôme Bourgeat, per il quale “non c’è alcun nesso” tra lo sciopero ei licenziamenti: “Sono stati commessi gravi errori, alcuni dei quali riconducibili alla procura. Ci sono casi di molestie. Non dovremmo ascoltare queste persone”, osserva il capo. Non vuole dire altro sulle cause dei licenziamenti, visto che i colloqui si svolgeranno la prossima settimana. Invita “le persone che vogliono proteggersi accendendo controfuoco”.

“Non c’è niente, sta preparando un intero scenario”, risponde un sindacalista, i suoi attacchi sono presi di mira”.

“Abbiamo provato una pausa convenzionale”, confida uno dei gestori. “Ma ha detto di no, si è sentito tradito, il suo obiettivo è punire”, ha aggiunto un sindacalista.

“Ho 26 anni nella grande distribuzione, non ho licenziamenti, non ho affari con i prud’hommes”, lancia il regista licenziato Karim Soufari, che al suo arrivo unirebbe le forze con Jérôme Bourgeat nell'”affare”.

L’unità U System è stata avvisata

I cinque licenziamenti affermano inoltre di non aver contato le ore per ricostruire il negozio dopo un inizio “complicato”, ricordando “20 giorni di fila a dicembre durante le vacanze” o “settimane di 80 ore”. “Ma non ce ne pentiamo, abbiamo imparato molto su noi stessi in questo periodo”, confida uno dei dirigenti. Questi sforzi sembrano in parte dare i suoi frutti: “All’inizio è stato un disastro, ma la situazione economica è gradualmente migliorata dal 2021”, afferma Karim Soufari.

La notizia non ha portato a uno sciopero questa volta. “I lavoratori non sono tranquilli”, dicono i sindacati, che affermano di avervi “avvertiti” dal sistema centrale della situazione.


Gli ex dipendenti del Casinò si sono sentiti espulsi.  Foto ER / Lionel VADAM

Un contesto difficile per due anni

Questi colloqui pre-incendio fanno parte di un contesto, a Hyper U. L’inter-sindacato (CGT, CFDT, FO) da mesi denuncia le pressioni o addirittura le intimidazioni dei lavoratori che vengono spinti all’uscita. Soprattutto contro il “Casinò”. Ricordiamo che il boss Jérôme Bourgeat, già boss del Super U di Audincourt, ha acquistato l’ipermercato Géant Casino due anni fa per il vai sotto il marchio Hyper U. Un investimento consistente di sei milioni di euro. Quindi rileva quasi tutti i dipendenti (quasi 130). Piccolo dettaglio, il contratto collettivo del Casinò era, spiega, i sindacati, più vantaggioso che con Lei. I sindacati denunciavano un’opera sovversiva contro il “Casino”, che ci è stata confermata in condizione di anonimato da una quindicina di persone, ancora in servizio o scomparso. Con, nella chiave, distribuzioni di avvisi. Questo a volte ha portato a licenziamenti, partenze o assenteismo per malattia. Attualmente, il “Casinò” sarebbe il 45 tra i 100 dipendenti del negozio. “Non siamo i Lucky Luke dell’avvertimento”, ha difeso Jérôme Bourgeat. E per evocare uno “shock culturale” e una “resistenza al cambiamento” di fronte ai nuovi metodi.

BM

profilo, orari, previsioni e luoghi da vedere per la 21a tappa e l’arrivo sugli Champs-Élysées

La Cina continua la sua conquista dello spazio e lancia un nuovo modulo della sua stazione spaziale