in

In Italia gli ambientalisti attaccano le mani al vetro di un dipinto di Botticelli

Il gruppo “Ultima Generazione” (ultima generazione) vuole sensibilizzare il pubblico sulla necessità di agire di fronte all’emergenza climatica.

Articolo scritto da

pubblicato

Aggiornare

Momento della lettura : 1 minuto.

Un’azione piccante. Venerdì 2 luglio due attivisti di un collettivo ambientalista italiano chiamato “Ultima Generazione” hanno messo le mani sul vetro che protegge il famoso dipinto di Botticelli “Le Printemps”. la guardia. L’opera è in esposizione alla Galleria degli Uffizi di Firenze, Italia.

I due attivisti hanno alzato una mano al vetro mentre un terzo attivista ha aperto uno striscione con la scritta “Ultima generazione, più gas, più carbone”come mostrato il video di ABC News. Secondo l’agenzia di stampa italiana Ansa, la polizia ha arrestato le tre persone.

Secondo gli attivisti, è il primo passo di una lunga serie di azioni nei musei. “Ci rivolgiamo al mondo dell’arte per fare un vivo appello affinché le nostre richieste siano portate al governo da tutte le parti sociali.spiega “Ultima Generazione” in un comunicato stampa. Il continuo collasso eco-climatico e sociale avrà anche un tragico impatto sulla conservazione dei luoghi preservando il patrimonio culturale”.

“Mentre difendiamo il nostro patrimonio artistico, dobbiamo impegnarci a proteggere il pianeta”.

Il gruppo “Ultima Generazione”

in un comunicato stampa

Il metodo della mano incollata nello spazio pubblico è utilizzato anche dagli attivisti dell'”Ultima ristrutturazione” in Francia. Si sono distinti in particolare bloccando la tangenziale di Parigi, irrompendo nel centro del Roland-Garros o interrompendo alcune tappe del Tour de France.

Più di mille migranti sbarcano in Italia in poche ore

Segui la gara con noi