in

Incendi in Gironda: “Avevamo paura di ubriacarci”, Jérémy Frérot e Laure Manaudou hanno dovuto lasciare la loro casa

Jérémy Frérot vive non lontano dal bacino di Arcachon con la sua compagna Laure Manaudou e i loro figli.

Lui e Laure Manaudou non hanno dormito molto negli ultimi giorni. Il motivo: la coppia ha dovuto lasciare la propria casa per sfuggire al grande incendio che da più di una settimana devasta Teste-de-Buch in Gironda. In un’intervista su parigino, Jérémy Frérot ci confida.

“Ieri dal sentiero che portava a casa mia ho visto le fiamme del bosco, si ingrandiva e quella notte dovevamo evacuare, c’era troppo fumo, era insopportabile. Entrava in casa, impossibile dormire Avevamo paura di ubriacarci e di non svegliarci mai”, spiega il cantante, sconvolto e abbattuto nel “vedere bruciare” quello che considera “il posto più bello di Francia”.

Supporto ai vigili del fuoco

Ora al sicuro a Gujan-Maestras, una cittadina vicina, rivolge un pensiero ai vigili del fuoco che da giorni combattono gli incendi che devastano il dipartimento della Gironda. “Ho i vigili del fuoco che sono in prima linea a darci informazioni ed è terribile. Questo martedì è stata una giornata terribile perché puoi sentire che erano impotenti e disgustati dal fatto che non potevano fare nulla, è terribilmente difficile. Fanno un lavoro pazzesco .”

“Ecco, riscaldamento globale, ce lo prendiamo in faccia. Ieri abbiamo sentito 50°C”

“Pensavamo che sarebbe successo solo ad altri”

Il padre di tre figli teme che questo tipo di tempo diventi la norma nei prossimi anni. Toccato, l’ambientalista assicura che l’attuale disastro lo rende “molto triste”: “Non ci siamo abituati, non sappiamo come gestirlo, e ci siamo detti che sarebbe successo solo ad altri”.

Quanto alle ragioni, finalmente va avanti con la sua visione delle cose: “L’idrometria è sotto i 10, un livello molto basso, quello di un deserto. Tutto è asciutto, la minima scintilla si accende con il forte vento. C’erano fiamme alte 100 metri che niente può fermare, anche le strade (…) Ho paura del futuro, Pilat non sarà mai più come prima”.

firmati due accordi per aumentare i salari minimi

Calciomercato: 41 milioni di euro, brutta notizia per Al-Khelaïfi al Paris SG!