in

infezioni multiple portano a più problemi di salute

Questo è il primo studio su larga scala sull’argomento e pubblicato sulla rivista Nature.

Fino ai risultati di questo studio, conoscevamo gli effetti di Reinfezioni da Covid salute, per quanto riguarda il lungo termine. I ricercatori americani volevano sapere se infezioni multiple da Sars-CoV-2 aumentare il rischio di problemi di salute e lungo covid.

Concludono che le persone a cui è stato diagnosticato il Covid più di una volta corrono un rischio maggiore di una serie di gravi problemi di salute rispetto a coloro che l’hanno avuto solo una volta.

Infezioni da Covid: il quadro dello studio

Come hanno fatto i ricercatori? Hanno perquisito le cartelle cliniche anonime di 5,8 milioni di cittadini archiviate nel database nazionale preoccupazione della salute dal Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti.

Si scopre che tra il 1 marzo 2020 e aprile 2022 più di 443.000 persone sono risultate positive al Covid almeno una volta.

La conclusione

I ricercatori hanno quindi confrontato i diversi risultati sulla salute dei gruppi ottenuti.

Ziyad Al-Aly, un epidemiologo della Washington University di St. Louis e autore principale dello studio, lo riassume all’AFP: “Le persone che sono state reinfettate avevano un rischio maggiore di tutti i tipi di problemi di salute indesiderati”. Perché aggiunge:

Anche se una persona ha un infezione infezione precedente ed è stato vaccinato, cioè ha beneficiato di una doppia immunità, quella dell’infezione precedente e quella del vaccini –, è ancora a rischio di effetti collaterali con la reinfezione.

Vari problemi di salute

Ma cosa intende con questo specialista? “tutti i tipi di problemi” ? Ad esempio, i ricercatori citano problemi cardiaci e polmonari tre volte più spesso nelle persone che sono state reinfettate. E il rischio di morte è raddoppiato dalla reinfezione.

Queste infezioni successive possono anche essere causa di disturbi cerebrali, patologie renali o addirittura il diabete mellito. Tuttavia, gli accademici statunitensi riconoscono i limiti alle loro scoperte. Ad esempio, il fatto che fossero in gran parte basati su un gruppo di uomini bianchi e più anziani.

Tolosa: la diatriba di un concessionario d’auto contro la Samu, infastidita “dalla lentezza” di un intervento

Diabete: verso “una rivoluzione terapeutica” grazie al pancreas artificiale