in

la Fête de l’Humanité arriva ad Essonne con un ambizioso programma musicale

La Fête de l’Humanité si muove. All’inizio dell’anno scolastico, il tradizionale incontro musicale e politico della sinistra lascia Seine-Saint-Denis per un’ex base aerea a Essonne. Dopo aver trascorso 22 anni a La Courneuve, questo mitico raduno nell’Ile-de-France lanciato nel 1930 da Marcel Cachin – allora direttore del quotidiano di sinistra l’Humanité – fu costretto a lasciare il mitico playground dove si svolgerà il villaggio dei media del 2024 Olimpiadi.

Secondo l’organizzazione, ci sono voluti due anni di ricerca per trovare un luogo che fosse in grado e disposto a ospitare un evento del genere. Quindi sarà alla base 217, tra Brétigny-sur-Orge e Le Plessis-Pâté (Essonne).

Per questa 87a edizione, quasi 45 artisti hanno seguito il movimento della “Fête de l’Huma” e hanno messo i loro microfoni sui vari palcoscenici musicali della manifestazione il 9, 10 e 11 settembre. allettante, programmazione computer contraddistinto dal suo eclettismo. Grandi nomi della canzone francese, come il duo padre-figlio Jacques e Thomas Dutronc, Benjamin Biolay o Camélia Jordana, siederanno accanto a rapper affermati, come Laylow o membri del gruppo Sexion d’Assaut, oltre a giovani artisti promettenti come come Zamdane.

Per gli appassionati di musica elettronica, nelle due serate “Humacumba” del 9 e 10 settembre, ci saranno DJ Kiddy Smile, grande rappresentante della cultura vogue, e set di artisti che fanno parte del collettivo electro Pardonnez-nous. Cosa ballare fino a fine serata.

Anche Gauvain Sers, Selah Sue, Christophe Maé e Danakil sono tra gli headliner del festival, cercando di accontentare un vasto pubblico. All’inizio di settembre sono attesi 270.000 visitatori. Una diminuzione del numero di visitatori (la manifestazione ha finora ricevuto una media di 500.000 visitatori all’anno) giustificata secondo l’organizzazione da “cambiamento e alienazione” dal luogo, situato a circa 35 km da Parigi, nonché a causa di una difficile ripresa dopo la pandemia per i festival.

Questi tre giorni di festa saranno anche l’occasione per celebrare la pace. Nota, sulla locandina dell’evento: un piccione. Non senza un’eco della guerra che imperversa in Ucraina da febbraio.

Questa 87a edizione dovrebbe essere finalmente l’occasione per un confronto comune tra le diverse forze politiche di Nupes (LFI, EELV, PS, PCF, Generazioni).

Sappiamo perché Giove non ha (praticamente) anelli!

L’arrivo del Tour de France 2024 “si svolgerà prima a Nizza”, annuncia Amélie Oudéa-Castéra