in

La Francia si offre alla Società delle Nazioni al termine delle tensioni contro gli Stati Uniti

Dopo un Campionato Europeo fallito a settembre, i giocatori di Andréa Giani tornano a vincere in una competizione internazionale. Dopo il 2015 e il 2017, i francesi hanno vinto per la terza volta nella loro storia la Società delle Nazioni, quando era ancora chiamata World League.

Come in semifinale, i Blues si prendono un momento prima di pagare per i loro servizi. Ma meglio sul posto degli americani, i francesi hanno guidato questo primo set. Il contrabbandiere Antoine Brizard è nella giusta direzione e sceglie sempre la soluzione giusta. Jean Patry, Nicolas Le Goff e Earvin Ngapeth rompono la difesa americana. i francesi prendono un bel vantaggio, +9 (16-7). D’altra parte, l’ex Tours, David Smith, sta lasciando che la sua squadra tenga duro.

Ma solidi alla reception, i Blues restituiscono tutto. Gli Stati Uniti stanno lottando per trovare l’errore. Trevor Clévenot chiude questo primo set con un bellissimo contropiede (25-16), la Francia lancia la sua finale di Lega delle Nazioni.

Capo amico di Ngapeth

Torna sul pavimento dell’Unipol Arena di Bologna. I francesi decollano sulle stesse basi, un errore, un rigore. Torey DeFalco e Kyle Russel si alzano in piedi, moltiplicando gli errori casuali. Antoine Brizard ha un ottimo rapporto con queste piante che trovano perfette, Barthélémy Chinenyeze ne trae vantaggio. Primo lancio per Quentin Jouffroy, de Narbonnais butta giù un asso e regala alla Francia un bel vantaggio, 21-15. È tempo che Earvin Ngapeth prenda in mano la situazione. Solo sulla fascia sinistra, il modenese si rilassa e trova il diagonale per offrire ai Blues sei set point (24-18), pochi secondi dopo si ritrova di nuovo in asse, ribelle (25-19). La Francia ha vinto il secondo set e ha fatto un grande passo verso la vittoria.

Gli uomini di Andréa Giani sono vicini all’incoronazione, ma gli americani non si arrendono. In questo terzo set, i marcatori polacchi conquistano i Blues in semifinale. I blocchi tricolore sono meno precisi, gli incassi troppo vicini, David Smith e altri riprendono il loro colore e tornano in partita vincendo 25-15. I francesi perdono il loro primo set in questi ultimi 8.

Il vento è girato

Due set a uno, i Blues in vantaggio, ma la partita sembra girata, la fiducia è americana. Il successo sfugge ai francesi. Torey DeFalco trova una posizione forte ed è molto efficiente nel chiudere per mantenere la sua squadra a +3 (9-12). Trevor Clévenot, Earvin Ngapeth e Jean Patry offrono una tregua e lasciano che il collettivo di Andréa Giani riprenda a -1 (15-16). Gli Stati Uniti sono in testa, ma la squadra francese resiste. Jean Patry salva un primo set point (21-24). Ngapeth sbaglia il servizio (21-25, 2-2), americani e francesi lottano per la vittoria nel tiebreak.

Inizio del tiebreak in tensione. Nessuna delle due squadre vuole fare male. Antoine Brizard è molto efficiente al servizio, la Francia porta due punti di vantaggio (4-2). Fuori dal timeout, il palleggiatore ripete e tira un altro asso, al punto successivo Ngapeth neutralizza e termina. Soffia Andrea Giani (7-2). I Blues ritrovano successo e fiducia, Brizard ritrova l’errore nella sua prima mano (11-8). Gli Stati Uniti sono in pericolo e Russell è pieno di servizi, la Francia ha quattro match point. Ne basta uno, serve Antoine Brizard, David Smith, il più francese degli americani fallisce. La Francia vince la Società delle Nazioni in cinque set.

Alain Delon pronto a morire? Ha già programmato tutto per quanto riguarda il suo ultimo ritiro molto speciale

La pesante accusa di Rishi Sunak contro la “minaccia” cinese