in

la “sfida di sicurezza” della cerimonia di apertura sulla Senna

È un’acquisizione che non dice il suo nome. Emmanuel Macron aveva convocato un “Consiglio olimpico e paralimpico” lunedì 25 luglio, quasi due anni dopo l’inizio dei Giochi Olimpici del 2024 a Parigi (dal 26 luglio all’11 agosto). Riuniti all’Eliseo attorno al Presidente della Repubblica, il Primo Ministro Elisabeth Borne, una dozzina di ministri, il Delegato Interministeriale per i Giochi Olimpici e Paralimpici, Michel Cadot, il Presidente di Parigi 2024, Tony Estanguet, o anche Laurent Nunez, il successore di il capo della questura di Didier Lallement, molto criticato per la sua gestione degli incidenti allo Stade de France.

Il Presidente della Repubblica ha ricordato durante questo “riunione in loco”la sua volontà di mantenere l’ambizione di Parigi 2024, devastata nelle ultime settimane dai dubbi sulla capacità degli organizzatori dei Giochi in termini di sicurezza e budget. “Il budget per i Giochi sarà mantenuto”, insistette l’Eliseo.

Tuttavia, in una relazione intermedia – la relazione finale è prevista entro la fine dell’anno – sull’organizzazione dei Giochi Olimpici, la Corte dei conti è stata molto allarmante, si è scoperto L’anatra incatenatamercoledì 20 luglio.

I magistrati di rue Cambon sono particolarmente preoccupati per l’organizzazione della cerimonia di apertura dei Giochi, sulla Senna, e chiedono la mobilitazione generale dei servizi interessati. “Una definizione più precisa dei bisogni di sicurezza diventa urgente”designare gli autori del pre-report e aggiungere: “È imperativo arbitrare ed entrare nella fase di pianificazione operativa e organizzazione delle risorse. »

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Giochi Olimpici: Parigi 2024 rischia uno slittamento del budget

“Una sfida logistica e di sicurezza”

“Ci sono una serie di raccomandazioni in questo rapporto su cui stiamo già lavorando”sostiene Parigi 2024. Le squadre del Comitato Organizzatore (Cojop) riconoscono comunque di averlo fatto “colpo di calore” il giorno dopo gli incidenti allo Stade de France, quando il caos assistito a margine della finale di Champions League del 28 maggio ha sollevato dubbi agli occhi di tutto il mondo sulla capacità della Francia di affrontare eventi come i Giochi Olimpici.

La cerimonia di apertura, il 26 luglio 2024, presenta una grande sfida: 12 km di argini sono assicurati tra i ponti Austerlitz e Iéna; da 160 a 180 imbarcazioni su cui sfileranno le delegazioni da ispezionare; decine di capi di stato per protezione al Trocadéro; 600.000 spettatori da controllare; uno spazio aereo da difendere dagli attacchi dei droni, rischio temuto dalla Corte dei conti; eccetera “La cerimonia di apertura è una sfida logistica e di sicurezza”riconoscere tutte le parti interessate dei Giochi.

Hai ancora il 51,95% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Denitsa Ikonomova bandita da Ballando con le stelle: conferma e irrompe sul web, “straziante”!

Rodano. Dentressangle si separa da Ifop