in

“La truffa dei senzatetto dal cuore grande” finisce in carcere

Una delle principali protagoniste che ha partecipato a una truffa che le è valsa $ 400.000 è stata condannata giovedì a un anno di carcere dal tribunale federale.

Nel 2017, i tre amici hanno fatto notizia in tutto il mondo. Alcuni buoni samaritani era venuto in soccorso di un senzatetto e aveva raccolto migliaia di dollari per lui. Ma la loro bellissima storia era solo una bugia destinata a fregare le persone. Uno dei tre personaggi di questa incredibile frode, Katelyn McClure, è stato condannato a un anno di prigione dal tribunale federale giovedì. Dovrà anche risarcire il danno causato e le è stato concesso un periodo di libertà vigilata di tre anni, secondo quanto riferito Notizie NBC .

Quindi il caso risale al 2017. Quell’anno, Mark d’Amico, la sua partner Katelyn McClure e Johnny Bobbitt hanno toccato il cuore degli utenti di Internet. Al momento, Katelyn McClure racconta che una notte rimase senza benzina in una strada sperduta a Filadelfia e viene salvato da Johnny Bobbitt. Il senzatetto, secondo il suo racconto, aveva usato le sue ultime monete per porgergli una tanica di benzina dopo avergli consigliato di rimanere chiuso in macchina mentre guidava verso la stazione di servizio più vicina. “Non mi ha chiesto un dollaro e non potevo ripagarlo in quel momento perché non avevo contanti”, ha detto in quel momento. È per ringraziarlo che lei e la sua compagna hanno aperto pochi giorni dopo la famosa raccolta di donazioni. I media hanno rapidamente trasmesso questa bella storia e gli utenti di Internet si sono mobilitati, mossi dalla generosità delle SDF. In tutto, i tre complici hanno raccolto più di $ 400.000 in donazioni.

Reclami statali e federali

Ma tutto è andato in frantumi mentre le note si accumulavano e causavano molta tensione. In un primo momento Johnny Bobbitt ha accusato la coppia di approfittarsi di lui e (…)

Leggi di più su Paris Match

Nonostante l’oro di Kevin Mayer, il blues ha ancora sofferto in Eugene

The Grey Man su Netflix: ci sarà un seguito? – Notizie cinematografiche