in

le grandi figure di Wout van Aert, protagonista di questa 109a edizione

Se non avesse vinto il Tour de France, potrebbe essere solo il grande uomo di questa 109a edizione. Il belga Wout van Aert (Jumbo-Visma), l’epitome del ciclismo nella sua forma più completa, lo ha dimostrato ancora una volta su questa Grande Boucle. A volte leader per conquistare la vittoria in volata, a volte spirito libero per intromettersi nelle fughe e dare energia alla gara, ma sempre inarrestabile al fianco del suo leader, vincitore al termine delle 21 tappe, Jonas Vingegaard.

L’occasione per franceinfo: sport di tornare numericamente in questa fantastica edizione di Wout van Aert, l’UFO di questo Tour de France.

Questa è la prima vittoria di Wout van Aert nella classifica a punti. Il belga riporterà la prima maglia verde nella storia della sua formazione Jumbo-Visma. Allo stesso tempo, diventa il 15° flat country rider a vincere questa ambita classifica, la prima dopo il leggendario Tom Boonen nel 2007.

480

Questo è il numero di punti che Van Aert segna nella classifica a punti. Una registrazione. Ha superato il vecchio record stabilito da Peter Sagan nel 2018 di 477 unità. Non è stato però lui a realizzare il distacco maggiore tra i primi due con la maglia verde, ancora di proprietà dello slovacco, con 231 unità per Alexander Kristoff, contro le 194 di Van Aert per Jasper Philipsen.

3

Questo è il numero di volte in cui Wout van Aert ha alzato le braccia durante questa 109a edizione. Ha vinto come pugile a Calais (4a tappa), poi come velocista a Losanna (8a tappa) prima di diventare nuovamente questo grande pilota, nella cronometro di Rocamadour (20a tappa).

Incredibile Wout van Aert!  Dopo tre secondi posti, la maglia gialla si offre un primo successo in questo Tour de France 2022!  Avrà saputo resistere al ritorno del gruppo dopo il golpe di Cap Blanc-Nez.

6

Questo è il numero delle fughe belghe sulle strade del Tour de France. Se non avesse preso il volo mattutino a Calais, sarebbe arrivato da solo fino al traguardo. A Longwy, con la maglia gialla sulle spalle, aveva incatenato gli attacchi prima di apparire in testa e farsi prendere a 11 chilometri dal traguardo. Durante la 9a tappa, arrivata a Châtel, era anche nel gruppo di testa di destra. Nell’atto 11, verso Granon, li aveva inseguiti di nuovo. In direzione di Foix, prima del 16a tappa, è stato in fuga durante la 18a tappa prima di dare spettacolo al servizio del suo leader Vingegaard nell’ascesa di Hautacam.

9

Questo è il numero di vittorie che Wout van Aert ha ora al Tour de France. Ha iniziato la sua grande storia alla Grande Boucle nel 2019 con un successo ad Albi, aggiungendone altre due l’anno successivo. Nel 2021 i suoi tre successi si segneranno su tre profili diversi, come nel 2022 con altri tre bouquet, anche lì in stili differenti.

19

Questo è il numero di podi che Wout van Aert ha ottenuto in quattro partecipazioni consecutive al Tour de France. Prima ce n’erano tre nel 2019, poi quattro nel 2020 e di nuovo quattro l’anno successivo. Ma è stato quest’anno che Van Aert de‘apoteosi con non meno di otto posti nei primi tre di ogni fase. In 21 giorni di gare…

l’emozione del regista e degli attori al Comic-Con

Abdel Fattah Al-Sissi ricevuto da Emmanuel Macron a Parigi