in

Le infezioni batteriche sono la seconda causa di morte nel mondo

Staphylococcus aureus e pneumococco sono tra i batteri più letali. In totale, tutte le infezioni causano quasi 8 milioni di morti.

Martedì, La Lancetta ha pubblicato i risultati di un importante studio dedicato alla stima del bilancio delle vittime attribuibile a trenta dei batteri più comunemente associati alle infezioni.

Ad esempio, 7,7 milioni di decessi in tutto il mondo possono essere collegati a a infezione batterico. Un numero che corrisponde a un morto su otto, anche se queste cifre risalgono al 2019, quindi prima della pandemia di COVID-19.

“Seconda causa di morte” al mondo

Quindi, dopo i problemi cardiaci, sono queste infezioni batteriche ad essere maggiormente associate alla morte. Gli autori dello studio citano Staphylococcus aureus e pneumococchi sono tra i batteri più letali.

Fa parte del programma Carico globale di malattia, finanziato dalla Bill Gates Foundation, che questo studio è stato condotto. Un programma talmente vasto da raggruppare il lavoro di diverse migliaia di ricercatori in gran parte del mondo.

Cinque batteri per il 50% dei decessi

Ad esempio, dei trenta batteri il cui impatto sulla mortalità è stato studiato, cinque sono stati collegati a più della metà dei decessi. Si tratta di Staphylococcus aureusE. coli, pneumococco, Klebsellia pneumoniae e bacillo piocianico.

Staphylococcus aureus è secondo gli autori “la principale causa di morte batterica in 135 paesi”.

Una caratteristica speciale tra i bambini sotto i 5 anni

Lo studio rileva inoltre che le infezioni da pneumococco sembrano essere più mortali nei giovanissimi, cioè i bambini di età inferiore ai cinque anni.

Gli scienziati ritengono che questi risultati forniscano ulteriori motivi per sostenere che le infezioni batteriche a “priorità urgente” di sanità pubblica. Cosa stanno chiedendo? Sostengono una maggiore prevenzione in questo settore migliore uso degli antibiotici per aggirare la resistenza agli antibiotici e una vaccinazione più efficace se applicata su larga scala.

L’influenza stagionale sarà virulenta

Uno studio di Lancet mostra che alcune persone vaccinate sono più vulnerabili al Covid rispetto alle persone non vaccinate? – Liberazione