in

le lettere di Xavier Dupont de Ligonnès, dopo aver ucciso la sua famiglia, rese pubbliche, sono dichiarazioni inedite che ti faranno venire i brividi!

Dopo Jacques Mesrine, Xavier Dupont de Ligonnes. In effetti, questo padre lo è L’uomo più ricercato del Paese da quasi undici anni. È sospettato di aver ucciso tutta la sua famiglia e ci sono molte voci su questa persona che si dice sia morta per alcuni, che avrebbe cambiato faccia per altri, o che semplicemente continuasse a vivere una vita pacifica dall’altra parte. mondo. Esattamente, parlando della fine del mondo, una persona avrebbe incrociato la sua strada qualche settimana fa. Questo è l’ex vicino di casa che era a San Francisco, come riportato dai nostri colleghi di stellamag.

“Catherine, la donna, entra in un negozio di alimentari quando qualcuno la spinge. Ha riconosciuto immediatamente Xavier Dupont de Ligonnès e ha pronunciato il suo nome ad alta voce. Ha spalancato gli occhi prima di correre”., scrissero. Non ci sono dubbi per Bruno de Stabenrath era davvero il suo vecchio amico : “Se Xavier non fosse stato lì, avrebbe semplicemente risposto: ‘Salve signora'”. “Sono persone un po’ sobrie. Non avrebbero mai inventato una storia del genere. Catherine D. si è davvero innamorata di Xavier nel 2015”.

Lettere fredde come il personaggio

Ma dopo questo evento niente, o quasi niente. Infatti, i nostri colleghi di Figaro hanno appena rivelato lettere agghiaccianti che si dice che Xavier Dupont de Ligonnès abbia scritto poco dopo aver ucciso la sua intera famiglia. Lettere che iniziano con una base nel modo più semplice “Ciao a tutti”. Nel resto delle sue lettere, l’uomo più ricercato di Francia annuncia di essere stato un testimone chiave in un caso che coinvolge la DEA e che il processo si svolgerà a “anni a venire”.

Sarebbe per questo motivo che avrebbe improvvisamente lasciato il Paese grazie al “programma federale di protezione dei testimoni”. Dichiara inoltre che, dopo aver letto la lettera in questione, “ufficialmente non esisteranno più come francesi”. Ma la frase che ti fa venire i brividi lungo la schiena è senza dubbio il poscritto in cui afferma: “Non devi preoccuparti del portico e della canoa (né delle macerie e degli altri bazar accatastati sotto il terrazzo: era lì quando siamo arrivati)”. Un luogo ritenuto inutile da Xavier Dupont de Ligonnès, ma dove le autorità hanno trovato i corpi dei suoi parenti.

Vedi anche: Xavier Dupont de Ligonnès vivo? Questa nuova testimonianza che fa rivivere ogni speculazione!

RF

Nuovo ceppo di febbre emorragica Crimea Congo: la malattia si avvicina, scoperti questa settimana due nuovi casi in Spagna

Recensione Belkin Thunderbolt 4 Dock Pro: una docking station completa pronta per tutte le situazioni