in

Legge giapponese sotto l’influenza di gruppi religiosi

Il primo ministro canadese Justin Trudeau stringe la mano all'ambasciatore giapponese in Canada Kanji Yamamouchi durante la sua visita di cordoglio per la morte di Shinzo Abe all'ambasciata giapponese a Ottawa il 12 luglio.

Più passa il tempo, più si confermano le conoscenze tra l’ex Primo Ministro Shinzo Abe e la Chiesa dell’Unificazione, la setta della Luna. Le rivelazioni dopo l’omicidio del signor Abe l’8 luglio da parte di Tetsuya Yamagami, che lo accusava dei suoi legami con la Chiesa dell’Unificazione, hanno spinto il Partito Comunista Giapponese (PCJ) ad avviare un’indagine sabato 23 luglio sui legami tra questi gruppi religiosi, movimento e parlamentari giapponesi.

Collegamenti che confermerebbero l’intervento alla stazione di Yamato-Saidaiji. “È possibile che Shinzo Abe volesse rivolgersi ai lunatici”, nota un buon conoscitore della politica giapponese, riferendosi agli aderenti alla setta fondata nel 1954 dal sudcoreano Sun Myung Moon (1920-2012). A Nara, la sede del movimento religioso, ribattezzata Federazione delle Famiglie per la Pace e l’Unificazione nel mondo nel 2005, è a due passi dalla stazione.

Leggi anche l’archivio (2012): Moon Sun-myung, messia autoproclamato

“Strumento di propaganda anticomunista”

Convalidata, tale ipotesi confermerebbe la forte permeazione della politica giapponese da parte di movimenti religiosi di varia motivazione. Il rifiuto del comunismo, la difesa dei valori conservatori e nazionalisti, ma anche la ricerca della rispettabilità hanno spinto e continuano a incoraggiare molte entità religiose di tutte le convinzioni a impegnarsi in politica. Ideologicamente, i legami sono principalmente legati al Partito Liberal Democratico (PLD), che è al potere quasi ininterrottamente dal 1955. E queste relazioni sono generalmente messe a tacere dai media mainstream.

Per quanto riguarda il culto della Luna, le relazioni sono state rivelate a brandelli dai tabloid dalla morte del signor Abe. Quindi nel Shukan Gendai del 16 luglio, il giornalista Aito Suzuki spiega che in diversi anni di lavoro, ha riscontrato che 112 parlamentari, di cui 98 del PLD, avevano rapporti con la setta della Luna. Tra questi Shinzo Abe, ma anche gli ex primi ministri Yoshihide Suga (2020-2021) e Taro Aso (2008-2009). “Devono essercene altri, ma è difficile avere prove”ha spiegato il signor Suzuki.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Shinzo Abe, ex primo ministro giapponese, assassinato per i suoi legami con la setta lunare

I legami tra la setta lunare e l’LDP possono essere fatti risalire al nonno del signor Abe, Nobusuke Kishi, primo ministro dal 1957 al 1960. Preoccupato per la diffusione del comunismo in Giappone, il signor Kishi ne ha sostenuto la fondazione, nel 1968, da parte del Il Rev. Moon – noto per il suo virulento anticomunismo – della Federazione Internazionale per la Vittoria contro il Comunismo, una struttura supportata dalla KCIA, la comunità dell’intelligence sudcoreana.

Nel 1984, il 21 luglio, il Shukan ShinchoMentre Sun Myung Moon languiva in prigione negli Stati Uniti per evasione fiscale, Nobusuke Kishi scrisse al presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan, chiedendo il rilascio del guru, un “uomo di integrità”la cui presenza “raro e prezioso” è “essenziale per preservare la libertà e la democrazia”. “I leader giapponesi dell’epoca vedevano la chiesa come uno strumento di propaganda anticomunista”, spiega Masaki Kito, avvocato ed esperto di organizzazioni religiose. Per il gruppo, mostrare stretti legami con politici di spicco era un segno di buon nome.

Hai ancora il 41,85% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Assunzioni attese per la ripresa?

Truffa: ordini un 3090Ti, ricevi un Tupperware con sabbia