in

Lorena Wiebes vince la tappa degli Champs-Elysées in volata e prende la prima maglia gialla

Passerà alla storia. Lorena Wiebes (Team DSM) ha vinto in volata la prima tappa del Tour de France femminile, domenica 24 luglio, a Parigi. L’olandese ha preso il suo status di favorita dopo una tappa difficile sugli Champs-Elysées, segnata da due cadute e uno stop. All’età di 23 anni, dopo essere sgattaiolata oltre la ringhiera, ha vinto davanti a Marianne Vos (Jumbo-Visma) sul traguardo.

Il primo per Wiebes!  L'olandese si conferma la migliore velocista del mondo vincendo sugli Champs-Elysées.  La sua 16a vittoria stagionale riceve un tocco molto speciale in quanto arriva con la prima maglia gialla di questo Tour de France Women.

Questa sedicesima vittoria dell’anno la rende la prima runner in assoluto ad indossare la maglia gialla in questa edizione inaugurale della Grande Boucle femminile. Lorena Wiebes è una delle migliori velociste in pista, ma ha dovuto comunque sopportare la pressione. “Ero abbastanza rilassato prima dell’inizio”, ha detto la 23enne olandese sobria dopo la sua vittoria. Può avere un track record lungo quanto il braccio, ma il prestigio del Tour unito al carattere storico di questo grande primo impreziosiscono questo successo. “Le ragazze hanno fatto un viaggio incredibile, sono davvero felice”salutò Wiebes.

La velocista Lorena Wiebes si gode la sua prima vittoria di tappa al Tour de France femminile dopo una solida salita sugli Champs-Elysées.  È davanti a Marianne Vos e Lotte Kopecky.

La sua vittoria è arrivata al termine di una gara breve – 81,6 chilometri – ma di folle intensità. Il percorso proponeva dodici giri a Parigi, con settori irregolari sul selciato degli Champs-Elysées. Il gruppo non ne è uscito illeso. Questa tappa è stata interrotta da due cadute, una delle quali ha portato alla sfortunata sosta di Alana Castrique (Cofidis).

Inoltre, questa fase è stata segnata da numerosi tentativi di fuga. Non tutti hanno avuto l’effetto desiderato. Il più acuto arriva per l’onore della Norman Gladys Verhulst (Le Col-Wahoo), che ha lasciato il gruppo a diciannove chilometri dal traguardo, ripreso solo dalla fiamma rossa. Non una sola donna francese potrebbe unirsi allo sprint al traguardo “molto lungo e caotico” dice Wiebes.

La sua seconda Marianne Vos, trenta vittorie al Giro, non indosserà l’ambita maglia gialla. Non è riuscita nemmeno a impossessarsi della casacca verde, nonostante abbia vinto il primo sprint intermedio. Questo va a Lotte Kopecky (SD Work), terza di giornata ma seconda in classifica a punti, dietro alla detentrice della maglia gialla.

La classifica della montagna è dominata da Femke Markus (Parkhotel Valkenburg), che è arrivata prima nell’unica difficoltà della giornata. Infine, Maike Van der Duin (Le Col-Wahoo) indosserà la maglia bianca lunedì, durante la seconda tappa tra Meaux e Provins.

Joy Hallyday in lutto: questa meta molto simbolica ha scelto per trascorrere le sue vacanze!

questa scoperta potrebbe sconvolgere l’intero settore