in

Mondiali 2022 – Eugene (USA) – Tual e Pontvianne frustrati, Mayer in pista

Tual e Pontvianne frustrati, Mayer ben lanciato

Gabriel Tual ha conquistato il sesto posto nella finale degli 800 metri, dopo aver lottato per la medaglia fino all’inizio del tratto finale. Jean-Marc Pontvianne, ottavo nel salto triplo, è anche tra i finalisti di questi mondiali. Kevin Mayer è ancora in corsa per il titolo di decathlon dopo una prima giornata di colpi di scena.

La prestazione

Tual era quasi arrivato

ottimo tattico, Gabriel Tual ancora una volta lascia parlare la sua scienza delle corse per darsi la possibilità di credere nei suoi sogni sabato. Purtroppo le gambe lo hanno tradito all’inizio del rettilineo, quando era nel posto giusto al momento giusto. ” Fino a 720 m sono in gioco, ma dopo è una caduta, continuava a sorpassarmi, mentre ero a tutta velocità. è furioso ‘ ha rimproverato mentre lasciava la pista di Hayward Field. In una partita finale frenetica (52” al campanello), effettivamente ha avuto buoni sentimenti fino ad allora”, nessun problema con l’ordine dei turni “, ma ha ammesso di essere stato sotto la pressione dell’evento. ” È difficile essere concentrati e rilassati quando giochi la tua vita ‘ Lui ha spiegato.

Settimo nella finale olimpica dell’estate scorsa in Giappone, l’americano Talence Agenais si è piazzato in Oregon ed è arrivato sesto in 1’45”49 in una gara vinta dal keniota Emanuele Corir a 1’43”71. Non abbastanza per dargli un assaggio di successo, quando era apertamente alla ricerca di un fascino. ” Ho abbastanza esperienza ora. Quello che voglio sono le medaglie, anche se non è così facile ‘ ha tuonato in risposta ai giornalisti che volevano mostrargli il lato positivo della vita. Lucid, l’apprendista di Bernard Mossant, ha comunque trovato una serie di motivi di conforto, consapevole che la sua regolarità nei campionati maggiori alla fine avrebbe dato i suoi frutti. ” Non dire a te stesso che è tutto finito. Ci sono campionati europei tra tre settimane e altri campionati che si svolgeranno, a cominciare da Budapest nel 2023. Ci vorranno ancora qualche anno. “Con quello che mostra da due anni, la strada per la scatola dovrebbe aprirsi un giorno o l’altro.

il dichiarato

“Lavorerò mattina, pomeriggio e sera”

Ottavo nella finale del salto triplo con 16,86 m, proprio come a Londra nel 2017, Jean-Marc Pontvianne purtroppo raccolse i morsi saggi (cinque in totale). ” È troppo sperare in qualcosa di meglio dell’ottavo posto, ed è un riflesso della mia stagione ‘ riassunse amaramente. De Nîmes, infortunato durante la stagione, non è riuscito a ripetere i salti in allenamento e quindi ha mancato dei punti di riferimento nella sua corsa per esprimersi a pieno. Che rammarico per il pupillo di Sébastien Bouschet e Teddy Tamgho, che ha percorso il filo della storia. ” Ho bisogno di vedere di nuovo le foto, ma penso che i miei sforzi morsi dimostrino che c’era qualcosa di divertente da fare oggi pensò, visto che il palco si giocava alle 17:31. La vittoria è andata all’inattaccabile portoghese Pablo Piccardoche ha ucciso la partita alla prima meta, misurata a 17,95 m. Prima della partenza, Pontvianne ha promesso che avrebbe sfruttato le settimane che lo separavano dagli Europei di Monaco per lavorare sulla sua regolarità e sui suoi automatismi, ripetendo anche due volte che lo avrebbe tenuto impegnato” mattina pomeriggio e sera “.

La promessa

Mayer può puntare all’oro

Come spesso quando partecipa a un decathlon, Kevin Mayer ha avuto un primo giorno frenetico in Oregon questo sabato. Il primatista mondiale, che si sente in forma ma ha potuto contare sulla piena velocità solo dopo due mesi di preparazione, si è sentito ” nella nebbia durante la seduta mattutina. ” Ciò riguarda più o meno determinati test ha poi spiegato, dopo aver completato i suoi 400 metri nel soddisfacente tempo di 49:40. Questo non gli ha impedito di firmare un buon 10”62 su 100m e una gara di altezza di successo con 2,05m mentre era particolarmente spaventato da questo evento a causa del dolore al tendine d’Achille che smaltava la molla. Ma la sua partita di peso, finendo 14,98 m, ha mostrato la difficoltà che aveva nella giocoleria.

La sera del primo giorno, maggio accampato al sesto posto, con 4372 punti. Se la classifica intermedia è dominata dal fantastico portoricano Ayden Owens-Delerme con 4606 punti, il giocatore del Montpellier sa di poter contare su una seconda giornata senza precedenti per recuperare. E se si arrende Damiano Warnerfalciato da un infortunio alla coscia a metà dei 400, il suo principale rivale lo ha deluso a livello amichevole, sa fin troppo bene che ” apre un viale per ottenere il titolo Fiducioso ma prudente, si aspetta comunque che i suoi giovani rivali lo diano del filo da torcere fino alla fine.

Gli highlight

I 4×4 di fretta

In venti minuti le due staffette 4x400m sono riuscite a raggiungere la finale della loro specialità con brio ed entusiasmo. Le ragazze si sono fatte strada conquistando il terzo posto di serie in 3’28”89 e assegnandosi addirittura un biglietto, dopo la squalifica dell’olandese, che Sounkamba Silla arrestare il loro testimone caduto. ” Ci sbloccherà, perché eravamo tutti un po’ stressati. I nostri passaggi sono stati abbastanza corretti e domenica saremo ancora di più nelle gambe “, apprezzato Amandine Brossieril leader e il finisher del collettivo.

Gli uomini sono saliti sul carro e hanno cancellato il biglietto qualificandosi in tempo, grazie al tempo di 3’03”13, finendo quarti nella loro gara. ” Abbiamo l’ottavo tempo dei finalisti, ma il lavoro è fatto. Ora cercheremo di prendere uno, due o tre posti “, Avanzate Thomas Jordierimpegnato a lanciare la staffetta sulle giuste basi mentre Simone Boypache sostituiscono Ludovico Oucenic(vittima di stiramento al tendine del ginocchio durante il riscaldamento) ha giocato perfettamente la sua parte nel breve termine nonostante un ” scarica di adrenalina “.

I velocisti della 4x100m uomini hanno cercato di mantenere questo slancio e cavalcare l’onda della loro serie di successo, ma gli uomini di Richard Cursaz hanno rischiato un po’ troppo in finale e non sono riusciti a passare il testimone in tempo al primo cardine tra Meba-Mickael Zeze e Pablo Mateo.

Battezzato vedrà le semifinali

Laeticia battezzata è stato in grado di fare bene la sua introduzione nei 100 m ostacoli sabato mattina. L’ostacolista martinicana è arrivata quarta nella sua gara in 13”03, dando appuntamento al prossimo round. ” Già molto felice dalla sua esperienza in Eugene, ha fatto della sua missione di ” dai tutto e smetti di pescare alla fine della gara in semifinale, cercando di abbassare il suo primato personale. Tuttavia, è finita per Cirena Samba-Mayelaquesto è ” raccolto troppo presto “quando è entrato in azione e tutta la sua corsa a” prova a creare velocità invece di [s’]perseverare [son] partenza “Quinta di serie in 13”15, la campionessa del mondo indoor di Belgrado ha visto terminare prematuramente la sua competizione.

Etienne Nappey per athle.fr
Foto: S. Kempinaire – JM Hervio / KMSP / FFA

il giorno in cui Kate Moss, 14 anni, è scappata da un servizio fotografico falso

Pugnalato durante la guerra per il territorio tra il fattorino di Uber Eats a Sarcelles