in

Morte Charlotte Valandrey: la famiglia dell’attrice definisce Yann Moix un “impostore”

Yann Moix è un “impostore”? Questo è ciò che suggerisce la famiglia di Charlotte Valandrey. L’attrice, che ha reso pubblico il suo doppio trapianto di cuore, è morta il 13 luglio. “Il 14 giugno, Charlotte ha subito un intervento chirurgico d’urgenza per sostituirla usa il cuore come lo chiamava lei, ma questo nuovo trapianto non durò, questo terzo cuore non è vissuto sua figlia, sua sorella e suo padre hanno spiegato in un comunicato stampa all’AFP.

Una settimana dopo nella partita di Parigi, Yann Moix chiama la “sorella che avrebbe dovuto avere” colei che, poiché è sieropositiva, è stata un’attivista contro l’HIV per tutta la vita. In prima pagina del 21 luglio la rivista leggeva “Addio, mio ​​primo amore, amica mia sorella”, prima di introdurre l’omaggio a diverse pagine dell’ex editorialista. Lo scrittore ricorda la sua relazione passata, il giorno in cui si è “innamorato, follemente innamorato” dopo aver visto bacio rosso 1985 al cinema.

“Nessuno dei parenti più prossimi è a conoscenza di questa complicità”

Ma per la famiglia di Charlotte Valandrey, questo tributo è tutt’altro che vero, poiché include “finzioni, sceneggiatura”. In un comunicato diffuso lunedì sull’account Instagram dell’attrice, i parenti lo chiamano “impostore”: “Nessuno dei parenti più prossimi è a conoscenza di questa complicità. (…) Quello che sappiamo è un breve riavvicinamento senza una storia d’amore quando erano giovani, ma soprattutto non molto dopo. »

Un’altra citazione ha risposto in particolare alla famiglia dell’attrice. Yann Moix ricorda le parole che si dice gli abbia affidato: “Ricordi la mia esistenza solo ogni volta che ho un piede sull’orlo della tomba. Il mio lavoro ? Muori professionalmente. Sono passati vent’anni da quando ho rilasciato la mia ultima intervista. La famiglia nega l’esistenza di questa conversazione: «L’impostore si lascia parlare con parole a lei così estranee. Charlotte non è mai stata per nessuno un professionista morente. »

I parenti della defunta le augurano di riposare in pace: “Una donna è morta, fermiamo la finzione. (…) Nessun ricamo post mortem. »

il ministro della Salute annuncia l’apertura di un sogno vaccinale a Parigi

Indicazioni di fake news sul nostro sito