in

Papa Francesco chiede “perdono per il male commesso”

Papa Francesco a Maskwacis, Alberta, Canada, 25 luglio 2022.

Lunedì 25 luglio, visitando un ex collegio per bambini indigeni in Canada, Papa Francesco ha chiesto: “scusa per l’errore” contro quest’ultimo, in particolare nei collegi per bambini dei nativi americani gestiti dalla Chiesa. Si è anche rammaricato che alcuni dei suoi membri “collaborato” alla politica di “distruzione culturale”.

“Io sono sconvolto. chiedo perdono”, ha detto il papa davanti a migliaia di indigeni a Maskwacis, nel Canada occidentale. chiamando a “terribile errore”ha riconosciuto la responsabilità di alcuni membri della Chiesa in questo sistema in cui: “i bambini hanno subito abusi fisici e verbali, psicologici e spirituali”. Le parole del Papa, tradotte in inglese, sono state accolte da un forte applauso dopo la richiesta di perdono.

In totale, il papa 85enne ha chiesto: “Mi dispiace” tre volte, “con vergogna e chiarezza”, durante questo tanto atteso discorso inaugurale, pronunciato in spagnolo sul sito dell’ex collegio Ermineskin. Il Papa è arrivato domenica a Edmonton, Alberta, per una visita di sei giorni nel Paese tanto atteso da questi popoli nativi americani, tra cui First Nations, Métis e Inuit.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Papa Francesco in Canada sul ‘pellegrinaggio penitente’

“Solo il primo passo” sulla strada della “guarigione”

“Il luogo in cui ci troviamo ora riecheggia un grido di dolore, un grido soffocato che mi ha accompagnato negli ultimi mesi”ha insistito, riferendosi al “trauma” sofferto da generazioni di popolazioni indigene e “ferite ancora aperte”. Al centro di questo “pellegrinaggio penitente”il doloroso capitolo di “scuole residenziali” per i bambini indigeni, un sistema di assimilazione culturale che ha causato almeno 6.000 morti tra la fine del XIX secoloe secolo e gli anni ’90, hanno creato un trauma multigenerazionale.

“Le politiche di assimilazione hanno portato alla sistematica emarginazione delle popolazioni indigene” (…). Le vostre lingue e culture sono state denigrate e soppressedisse ancora Francesco. Il ricordo delle esperienze devastanti avvenute nelle scuole residenziali ci tocca, ci fa infuriare e ci ferisce, ma è necessario. »

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Il Canada affronta la sua storia coloniale dopo aver scoperto le ossa di 215 bambini indigeni

Sottolineando la necessità di “ricordare”lo ha confermato anche il gesuita argentino ” scuse [n’étaient] nessun punto fermo” ma “solo il primo passo” sulla strada per “curare”. il governo canadese, chi ha pagato miliardi di dollari? in riparazione degli ex alunni, aveva chiesto ufficialmente scusa quattordici anni fa per l’istituzione di queste scuole che erano state istituite per “Uccidi l’indiano nel cuore del bambino”. E la Chiesa anglicana poi fece lo stesso. Ma la Chiesa cattolica, responsabile di oltre il 60% di questi collegi, finora si è sempre rifiutata di farlo.

“Colonizzazione ideologica”

Tutto è cambiato ad aprile con le scuse di papa Francesco inviate dal Vaticano “colonizzazione ideologica” e il“azione di assimilazione”, il cui, di chi “tanti bambini sono stati vittimizzati”. Lui aveva ha anche promesso di venire in Canada e migliaia di aborigeni hanno aspettato scuse sulla loro terra. Molti sperano anche in gesti simbolici, come il rimpatrio di alcuni manufatti indigeni che da decenni sono custoditi in Vaticano.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti In Canada, l’orrore delle scuole residenziali per bambini aborigeni

Circa 150.000 bambini indigeni sono stati arruolati con la forza in queste scuole, dove sono stati tagliati fuori dalle loro famiglie, dalla lingua e dalla cultura, e spesso vittime di violenze fisiche, psicologiche e sessuali. A poco a poco, il Canada sta aprendo gli occhi su questo passato, conosciuto oggi come “genocidio culturale” : la scoperta di oltre 1.300 tombe anonime nel 2021 in prossimità di queste scuole residenziali ha creato un’onda d’urto.

Il mondo con AFP

Renault Mégane E-Tech EV40: divieto di viaggio?

nessuna competenza in Alert Slider o Hasselblad, spiega il marchio