in

Per l’Accademia Nazionale di Medicina “La maschera diventa di nuovo necessaria”

Le epidemie stagionali di influenza, bronchiolite ma anche l’attuale ondata di casi Covid sono alla base di questa raccomandazione.

ioAccademia Nazionale di Medicina teme che, con l’avvicinarsi dell’inverno, le coinfezioni finiscano per influenzare i servizi ospedalieri.

L’impostazione si basa su una triplice osservazione sanitaria: “il ottava onda dal Covid-19 (che) sembra stabilizzarsi ad un livello elevato“, ma anche “la prospettiva di un’epidemia di influenza di inizio stagione” e “il bronchiolite nei bambini di età inferiore ai 2 anni (che) è entrata in una fase epidemica su tutto il territorio”.

La raccomandazione dell’Accademia di Medicina

Ad esempio, l’Accademia consiglia: “indossare la mascherina chirurgica negli ospedali, negli ambulatori, nei centri sanitari e nelle farmacie, e negli spazi chiusi aperti al pubblico, come i mezzi pubblici nei periodi di maggiore affluenza”.

Sarebbe auspicabile anche il ritorno della maschera FFP2 “in spazi pubblici chiusi per anziani o portatori di comorbilità, per l’entourage e gli operatori sanitari che entrano in contatto con persone vulnerabili e per Donne sono in gravidanza, anche se sono in regola con le vaccinazioni”.

Mascherina: non richiesta

Nel suo comunicato stampa, l’Accademia di Medicina aggiunge che il “possibilità di doppio” infezionedove le persone vulnerabili sono esposte alle forme più gravi e i servizi ospedalieri con rischio di saturazione dovrebbero essere presi in considerazione per la stagione 2022-2023..

Tuttavia, l’ente è del parere che la situazione sanitaria non giustifichi l’obbligo di indossare la mascherina, ma una raccomandazione.

Gesti di barriera a mezz’asta

C’è da dire che dopo due stagioni invernali con una debole circolazione dei virus respiratori come l’influenza e bronchiolite, si consiglia cautela.

Come mai ? L’impostazione ricorda:

Nessuna circolazione attiva di virus influenzali è stata osservata durante la stagione 2020-2021, l’applicazione rigorosa dei movimenti di barriera, in particolare indossando la mascherina e il lavaggio delle mani, ha portato a una spettacolare diminuzione dell’incidenza di infezioni, influenza, gastroenterite e bronchiolite.

Per incoraggiare un ritorno più rigoroso a questi gesti di barriera, anche l’Accademia desidera “un energico promemoria dei consigli sulla vaccinazione”. Suggeriscono di combinare dosi di richiamo con: COVID-19 e il vaccinazione antinfluenzale.

Perché questo potrebbe indicare il diabete?

i farmacisti possono ora somministrare tutti i vaccini prescritti dal medico e i booster di vaccino