in

Perché funzionano sul Prom’ tra Parc Phoenix e l’aeroporto? Attenzione in attesa di ingorghi!

Avviso agli utenti della strada! Sulla Promenade des Anglais, vicino all’aeroporto, può rimanere inceppato per mesi.

Ma è nell’interesse del Piano Metropolitano per il Clima, di cui una delle azioni più importanti è la creazione di una rete locale di fonti di energia rinnovabile.

I lavori sono iniziati lunedì e dureranno almeno fino alla fine dell’anno. Ti spieghiamo di cosa si tratta.

Perché questo progetto?

Per accelerare la transizione ecologica del suo territorio, la metropoli Nice Côte d’Azur sta collaborando con Dalkia per creare una rete per soddisfare le esigenze di riscaldamento e raffreddamento del futuro eco-distretto di Grand Arénas. Tutto questo affidandosi a una soluzione carbon free: l’energia termica proveniente dall’acqua trattata dall’impianto di trattamento delle acque reflue di Haliotis a Ferber.

Chi è Dalkia?

È una società francese affiliata al gruppo EDF specializzata in servizi energetici e produzione di energia decentralizzata, sviluppando in particolare fonti di energia rinnovabile alternativa.

Il Métropole ha concesso a questo ente un permesso per l’uso temporaneo del demanio stradale pubblico per un periodo di 36 anni, per la costruzione delle condotte che formeranno l’anello delle acque temperate e il suo sfruttamento.

Quale schema?

Questo progetto di rete inizierà con i lavori iniziati lunedì sulla carreggiata meridionale della Promenade des Anglais. Questa prima fase collegherà Haliotis, terminal 1 dell’aeroporto, e l’ecoparco, attualmente in fase di sviluppo da parte dell’EPA Ecovallée, all’ingresso delle Grand Arenas.

Fino al 15 agosto: riduzione a due corsie della Promenade des Anglais su entrambe le strade tra Edhec e Parc Phœnix. In particolare, ciò comporta il divieto di svoltare a sinistra per raggiungere il centro cittadino dal bivio di Grenouillères. Deviazione per boulevard René-Cassin e rue Charles-Chauve.

Poi, dal 16 agosto al 30 dicembre: riduzione di due corsie sulla carreggiata sud della Promenade des Anglais tra l’incrocio Grenouillères e Haliotis.

Dopodiché?

Una nuova fase dei lavori è prevista per l’inizio del 2023. Perché il progetto è importante: mira a ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 e ad aumentare la produzione di energia del 9% entro il 2025. Inoltre, questa futura rete locale di energia rinnovabile prevede di ridurre le emissioni di CO2 di 6.200 tonnellate all’anno (un francese emette in media 12 tonnellate di CO2 equivalente all’anno).

L’obiettivo finale?

Il Metropolis vuole aumentare la quota di produzione di energia rinnovabile dal 9 al 18%. Ad esempio, sarà in grado di ridurre l’uso di input termici che generano gas serra, ridurre la sua dipendenza energetica e stabilizzare il prezzo locale dell’energia in un contesto di aumento dei prezzi dei combustibili fossili.

il sindaco di Saint-Etienne è già un fan di Laurent Batlles

il gigante “Oak Fire” si sta diffondendo a pieno regime in California, vicino a Yosemite Park