in

Piede OL – OL: Dove sei Lacazette? Adeguamento in corso a Lione – Olympique Lyonnais

Domenica pomeriggio, OL è tornato in pista battendo il Feyenoord 2-0. Tuttavia, non tutto era perfetto, soprattutto il rapporto tra Alexandre Lacazette e i suoi circoli. Il profilo dell’ex tiratore è diverso da quello degli altri attaccanti del Lione.

Dopo la botta del giorno prima della squadra B contro il modesto Willem II,OL Riuscire a lasciare l’Olanda con un buon feeling. De Lyonnais ha dominato il Feyenoord, finalista della recente conferenza di Europa League, 2-0 in casa. Tuttavia, se si osservano più da vicino i dettagli della versione Lione, Peter Bosz ha ancora del lavoro per migliorare i contenuti. Nonostante il capocannoniere della partita, Alexandre Lacazette non ha avuto il miglior pomeriggio della sua carriera. L’attaccante dell’OL era difficile da trovare per i suoi compagni in campo.

Per trovare Lacazette, Reine-Adelaide richiede tempo

Una dichiarazione condivisa dal suo compagno di squadra, anche lui goleador di domenica, Jeff Reine-Adelaide. Il centrocampista ha ammesso di aver faticato a trovare l’attaccante, soprattutto a causa della contropressione. ” È un profilo diverso da Moussa (Dembélé). Oggi dobbiamo adattarci a lui, è un giocatore più mobile, che si muove molto tra le righe. In questa partita è stato un po’ più difficile trovarlo, ci hanno messo una buona pressione addosso quindi abbiamo tirato palloni ma ci porterà per il futuro perché in Ligue 1 avremo spesso palla e con lui ce la faremo ‘ mi ha confidato dopo l’incontro.

Ma, come ha detto poco prima, gli automatismi dovrebbero arrivare in tempo e consentire a OL di sfruttare la qualità di Alexandre Lacazette. ” Giochiamo dalla stessa parte con Karl Toko Ekambi, è un po’ più facile. Abbiamo più spazio per ritrovarci, mentre Alex è al centro del gioco, gli avversari gli sono più vicini. Accadrà poco a poco, non essere impaziente. Sono fiducioso perché è un calciatore di qualità, può abbandonare o andare in profondità “, ha aggiunto. Il gioco collettivo attorno a Lacazette rimane l’ultimo dettaglio da affinare, perché per quanto riguarda le qualità da gol del guadalupano è già solido, come testimonia il suo magnifico gol di domenica.

“Maes a Sevran mi passa davanti. Ho finito» confessa Kaaris alla sua ex

L’ibrido a tre piani di Faradair promette voli più economici del treno