in

PSG: finale amaro, Leonardo pingl, Neymar meno magico… Le verità di Meunier

Durante un’intervista al quotidiano tedesco Kicker, il terzino destro del Borussia Dortmund Thomas Meunier è tornato alla sua avventura al Paris Saint-Germain. Tra un complicato finale di percorso, amarezza verso Leonardo o il declino di Neymar, il belga ha portato le sue verità.

PSG: fine

Thomas Meunier ha lasciato il PSG nel 2020 dalla porta sul retro.

Thomas Meunier non è mai stato un fan dello slang e non perde occasione per dimostrarlo. Il terzino destro del Borussia Dortmund è noto per il suo candore, anche se è scoraggiante, ha una personalità molto determinata.

E quando gli è stato chiesto del suo tempo al Paris Saint-Germain tra il 2016 e il 2020, il belga ha qualcosa da dire.

Meunier, amarezza verso il PSG

Nel corso di un’intervista al quotidiano tedesco Kicker, il Red Devil è tornato su un complicato finale di percorso, esprimendo in particolare una certa amarezza nei confronti dell’ex direttore sportivo dei Rossoblu, Leonardo. Gioco a calcio perché mi piace il calcio. Ma quando sono arrivato al Dortmund nel 2020, avevo alcuni mesi difficili alle spalle. A Parigi in quel momento fui cacciato dal direttore sportivo (Leonardo, ndr) perché non volevo rinnovare il contrattoha lamentato il giocatore di 30 anni.

Meunier si rammarica soprattutto degli ottavi di finale di Champions League per i quali è stato esonerato, insieme a Edinson Cavani. Tutto è successo senza di me, fino alla finale di Champions League (persa 0-1 contro il Bayern Monaco) – quando ho meritato di esserci. E anche in privato non è stato facile lasciare Parigi. Mia moglie, i miei figli, io, amavamo tutti la città. È stato difficile arrendersi. Ma nel tempo siamo riusciti ad adattarci alla vita tedesca come famiglia. E penso che tu l’abbia visto sul campoha aggiunto il difensore che avrà giocato 128 partite con i parigini.

Neymar ha perso la sua magia

Come avrete capito, Meunier ha a malapena digerito questa fine dell’avventura parigina. Il belga ha però anche bei ricordi, soprattutto dei compagni di squadra, anche se l’ex Bruges ha approfittato di questa intervista anche per discutere della carriera del suo ex compagno Paris, Neymar. A rischio di criticare ancora qui, il giocatore del BvB ritiene che l’attaccante brasiliano abbia perso il suo splendore dal suo arrivo nella capitale francese.

Devo ammettere che ero un grande fan di Neymar quando ha giocato contro il Barcellona. La rimonta è tutta sua. Se avessi avuto 10 anni avrei avuto il suo poster in camera mia. (…) A Parigi, invece, ha perso la sua magia, secondo meMeunier ha osservato. Un’uscita giusta che ha tuttavia il merito di essere chiara, in quanto il fenomeno Auriverde non ha mai raggiunto il suo apice a Parigi nel tempo.

Capisci l’amarezza di Thomas Meunier nei confronti del PSG e di Leonardo? Condividete l’opinione del belga su Neymar? Non esitate a commentare e discutere in zona Aggiungi un commento

John Wick 4, Il Signore degli Anelli, Groot… I migliori trailer di Comic Con

Covid: rilevata nel Regno Unito la nuova variante BA.2.75 denominata “Centaur”, le autorità sanitarie segnalano 24 casi in un mese