in

Pubblico radiofonico, stelle del mattino: Julien Courbet in ritirata, Estelle Denis sfonda, Philippe Vandel entra in acqua

Un incrocio pubblico molto contestato, l’orario generalista dalle 9:00 alle 12:00 è un’altra fascia oraria in cui le stazioni investono molto. Quest’ultima ondata della stagione 2021-2022 va confrontata con un’ondata atipica di maggio-giugno 2021, caratterizzata da una graduale apertura di una Francia ancora impantanata nella crisi sanitaria.

Leggi anche

Pubblico radiofonico:

Radio

Ascolto radiofonico: “Le teste grosse” sotto i 900.000, “By Jupiter” sale,…

Ascolto radiofonico: essenziale Francia Inter, RTL in lieve rialzo, France Bleu soffre, Europa 1 al minimo

Radio

Ascolto radiofonico: essenziale France Inter, RTL in leggero aumento, France Bleu…

RFM: Caroline Ithurbide riprende la mattinata all'inizio dell'anno scolastico da Albert Spano

Radio

RFM: Caroline Ithurbide riprende la mattinata all’inizio dell’anno scolastico da Albert Spano

RTL raddoppiato da France Inter dopo la mattinata

Atipico come il palinsesto mattutino di RTL, la cui direzione ha deciso a metà stagione a fine marzo 2022 di prolungare la “mattina RTL” di 15 minuti, dalle 9:00 alle 9:15, con “La Sala Stampa”: una pagina dedicata alle elezioni presidenziali di aprile e notizie più generali fino a fine stagione. Bloccato tra due colossi – “RTL morning” e “Potrebbe succedere a te” – “Ammettere”, il telegiornale culturale, è così infilato in un box angusto (dalle 9:15 alle 9:30). In termini di pubblico, questa scelta non ha dato i suoi frutti. Secondo Médiamétrie, questa fascia oraria ibrida dalle 9:00 alle 9:30, che scomparirà definitivamente all’inizio del prossimo anno scolastico, è stata ascoltata da 1.254.000 ascoltatori tra aprile e giugno 2022. In questo riquadro, RTL è più di un anno (-70.000) in calo rispetto a un’onda (-117.000). La stazione rossa viene raddoppiata ogni 15 minuti dalla concorrente France Inter.

Il blocco post-mattina, composto per l’ultima volta da “Boomerang” di Augustin Trapenard e “L’instant M” di Sonia Devillers, federato, con una media tra le 9:00 e le 10:00, 1.276.000 ascoltatori (+208.000 su un anno, +83.000 su un’onda). Un ottimo traguardo che è stato stimolato soprattutto dall’apertura dei quartieri della futura conduttrice de “La grande libreria” su France 5. “Boomerang” ha richiamato l’attenzione su quest’ultima parte della stagione di 1.359.000 ascoltatori (+230.000 su un anno, +114.000 su un’onda). Con il suo programma mediatico “Momento M”, Sonia Devillers catturata 1.029 milioni di ascoltatori tra le 9:45 e le 10:00, con un aumento di 145.000 ascoltatori in un anno.

Philippe Vandel tra i 300.000 ascoltatori, Julien Courbet rifiuta

sull’Europa 1, “Cultura mediatica”, l’altro programma mediatico mattutino, precipita di nuovo. Non aiutati dalle partiture del programma mattutino di Dimitri Pavlenko, le due ore di trasmissione (dalle 9:00 alle 11:00) offerte da Philippe Vandel sono state ascoltate in media ogni mattina da 286.000 ascoltatori. Un anno fa erano 407.000 (-121.000 in un anno, -110.000 su un’onda). dietro, “Ben fatto a te”che ha appena concluso la sua prima stagione con Julia Vignali e Mélanie Gomez, interessate mediamente dalle 11:00 alle 12:30. 197.000 ascoltatori (-61.000 su un’onda). Anche la perdita dell’udito è evidente lì. Un anno fa in “It Feels Good”, Anne Roumanoff ha intrattenuto 352.000 persone della stessa categoria (-155.000 in un anno).

Su RTL Julien Courbet, che da settembre 2021 ha bandito la maxi-fetta dalle 9.30 alle 12.30 (trasformata dalle 9 alle 12 della prossima stagione) con il suo quotidiano “Può succedere a te”, ha sventato la truffa alla presenza del furgone 1.039 milioni di ascoltatori. La conduttrice di “Capital” perde 153.000 ascoltatori lungo il percorso rispetto all’ondata precedente. Per più di un anno, gli RTL hanno ingannato 30.000 ascoltatori dalle 9:30 alle 12:30. Il programma di Julien Courbet prevedeva solo l’orario di chiusura 9.30-11.30.

Come per l’ultima ondata, tutti i quarti d’ora dello spettacolo non saranno disponibili tra le 9:30 e le 11:30. La curva, invece, si inverte in chiusura dalle 11.30 alle 12.30 quando Julien Courbet riesce a fare progressi ogni 15 minuti rispetto alla scorsa stagione.

Nagui, una delle due eccezioni di France Inter, avanza Estelle Denis

Di fronte, Nagui è uscito “La band originale” di France Inter, ascoltato da 974.000 ascoltatori tra le 11:00 e le 12:30 Il conduttore è una delle due incarnazioni della stazione – l’altro è Antoine de Caunes – a piangere la partenza degli ascoltatori (-6.000 in un anno e -9.000 in un’onda). Solo il quarto d’ora che lo spettacolo lancia è la scorsa stagione. Poco prima, dalle 10:00 alle 11:00, “Buon per te” di Ali Rebeihi ha mantenuto 835.000 ascoltatoriovvero 101.000 ascoltatori guadagnati in un anno (-18.000 in un’ondata).

Infine, su RMC, lo spettacolo “Le grandi bocche”trasmesso dalle 9:00 alle 12:00, ha perso l’attenzione di 17.000 persone in un anno, per un totale medio di 623.000 ascoltatori. Alain Marschall e Olivier Truchot, invece, hanno guadagnato più di 70.000 ascoltatori in più rispetto all’ondata precedente.

Per quanto riguarda “Estelle Midi, non ci mentiamo”nuovo per la stagione 2021-2022 di RMC, in onda su RMC Story e guidato dall’ex conduttore di TF1 e M6 nella fascia oraria 12:00-15:00, è stato seguito in media da 335.000 ascoltatori tra aprile e giugno 2022 con un picco di 490.000 ascoltatori al momento della messa in onda. Estelle Denis recluta così 91.000 curiosi in un’ondata e 56.000 in un anno. Un grande successo.

Fonte: 126.000 Radio Médiamétrie aprile-giugno 2022. Ascolto medio di un quarto d’ora. Dal lunedì al venerdì. I confronti espressi sono oltre un anno (aprile-giugno 2021 vs aprile-giugno 2022) e oltre un’onda (gennaio-marzo 2022 vs aprile-giugno 2022).

“Quali sono le cause della partenza di Mario Draghi?”

“Come se il Concorde e il 747 avessero un bambino”: nel 2029 potrebbe volare il prossimo aereo supersonico commerciale della storia