in

Test AP esclusivo – Nio ES8: la Tesla Model X cinese

Nio è un produttore cinese appena sbarcato in Europa attraverso la Norvegia. Maxime Fontanier si è recato a Oslo per valutare il grande SUV ES8, offerto a un prezzo competitivo rispetto alla concorrenza. Quello che ha scoperto non piacerà molto ai marchi europei e americani.

L’arrivo di Nio in Europa

A metà del 2019, alcuni uccelli minacciosi avevano previsto la rapida scomparsa di Il marchio cinese Nio deve quindi affrontare un grave richiamo massiccio delle sue prime auto elettriche a causa del pericolo di incendio nelle batterie. Un anno dopo, questo produttore ha lanciato loro un ringhio mostrando buona salute e grandi ambizioni.

Europa? Sì per il 2025, ha detto il presidente di Nio Lihong Qin a maggio 2019. A fine 2020 tale termine era già stato ridotto alla seconda metà del 2021, per un primo punto di consegna previsto a Copenaghen, in Danimarca. La nuova scadenza è stata rispettata, ma alla fine scegli Norvegia e Oslo hanno aperto la prima Nio House d’Europa nell’ottobre dello scorso anno.

La sua missione: diffondere la berlina ET7 e il SUV ES8. Maxime Fontanier ha deciso di scoprire quest’ultimo per Automobile Propre. da notare che Nio offre il cambio della batteria in pochi minuti presso stazioni speciali. Anche il nostro collega produttivo ha testato questo. Questa straordinaria esperienza è oggetto di un video e di un articolo specifici.


Fino a 543 CV!

Proponendo un grande SUV di fascia alta con una superficie di 5.022 x 1.962 m, per un’altezza di 1.756 m, Nio sembra cercare la Tesla Model X (5.057 x 1.999 x 1.680 m). Tanto più che l’ES8 offre 6 o 7 posti, a seconda della configurazione della seconda fila di sedili: sei posti se ha due posti con spazio libero tra i due per facilitare l’accesso più indietro, o sette posti se è composta da una panca sede.

In quest’ultima combinazione, il nostro giornalista di prova si è imbattuto nell’auto elettrica cinese. È dotato di trazione integrale intelligente grazie a 2 motori che sviluppano una potenza combinata fino a 400 kW o 543 CV (160 kW o 218 CV all’anteriore / 240 kW o 326 CV al posteriore), per una coppia massima di 725 Nm .


Leggi anche
Test – MG5: l’unica station wagon elettrica, al prezzo di una Renault Zoé!

Cosa devi ridurre da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi prima che continui a raggiungere la velocità massima di 200 km/h. Tuttavia, è possibile scegliere una delle due modalità di guida più silenziose (Comfort, Eco). Ciò preserva la durata della batteria.

Non è ancora disponibile il pacchetto da 150 kWh, per circa 800 km in ricarica. Quello a nostra disposizione ne ha uno con una capacità energetica di 100 kWh, accreditato di 500 km di autonomia WLTP nel ciclo combinato. C’è anche una donazione più piccola: 75 kWh.

Uno stile molto cinese

Senza dubbio l’uomo con il berretto avrebbe fatto una passeggiata nel… supercar elettrica a due posti che accoglie i visitatori alla Nio House di Oslo sin dalla sua apertura. L’EP9 si è distinto nel maggio 2017 al Nürburgring completare il giro in 06:45.900.

No, no, Maxime nemmeno in sogno: è il SUV ES8 che ti aspetta in una via adiacente! Lui e Nomi, il tuo compagno di viaggio installato al centro del cruscotto per assicurarti che tutto vada bene durante il tuo giro di prova. La cottura del veicolo sembra quasi essere stata ottenuta da un misto tra altre due auto cinesi: la MG Marvel R e AIWAYS U5.

Quando giriamo l’ES8, vediamo rapidamente l’abbondanza di telecamere e radar: sotto il cofano, rivolto verso la strada all’altezza dello specchietto interno, all’esterno, in fondo al paraurti posteriore, ecc. Il modello testato è basato sulle sospensioni pneumatiche con cui utilizza in particolare permette di abbassare la scocca per facilitare l’accesso a bordo, e sui cerchi in lega da 21 pollici con pneumatici Continental in 265/45.

Una valigia componibile

Dietro il portellone posteriore ad apertura elettrica, il bagagliaio offre un volume di 310 litri, che può essere ampliato a 871 e 1.861 litri ribaltando gradualmente gli schienali in due pezzi della seconda e terza fila di sedili. Nella versione a sei posti, lo spazio può arrivare anche a 1.901 l.

A seconda degli oggetti da trasportare, è possibile giudicare alcune sedie a rotelle e non altre. Questa eccezionale modularità consente di trasportare oggetti relativamente lunghi e di trasportare comunque 4 o 5 persone. Il Nio ES8 è un vero esempio a questo livello. Inoltre, la parte posteriore dei passaruota è ben sgomberata. E i cavi di ricarica? Possono essere tenuti in base alle loro dimensioni in un doppio fondo.

Sono davvero impressionato dalla qualità costruttiva di questo modello. “dice l’uomo in berretto dopo aver scoperto i diversi materiali che rivestono l’abitacolo e il buon collegamento delle aperture. Grazie a un tetto panoramico e scorrevole in vetro, tutti i passeggeri godono di una buona luce. Salvo iniziare una seduta di relax che la chiude di un blackout pannello.

Il comfort delle persone trasportate nella parte posteriore

Trasportare più di cinque persone in macchina a volte è una necessità, soprattutto per le famiglie numerose. Dagli anni ’50 e ancor prima fino agli anni ’80, i produttori francesi ci avevano già pensato, con configurazioni a 7 e talvolta a 8 posti, senza ricorrere all’equipaggiamento di un veicolo commerciale. Ad esempio, Peugeot con la sua famiglia 203, 403, 404, 504 e 505 e Citroën con Traction, DS e CX.

La cosa notevole di Nio è che ha pensato a braccioli in schiuma e portabicchieri per le 2 persone installate più vicine al bagagliaio. Si noti che la fila centrale si sposta in modo differenziato tra la persona seduta a destra e quella a sinistra. Entrambi beneficiano anche di sedili riscaldati e ventilati.

Nella versione a 7 posti, l’accesso a tutto ciò che si trova nella parte posteriore richiede manovrabilità. A condizione che la baia sia ben in avanti appena avanti o che gli schienali siano abbassati, lo spazio per le gambe è corretto.

Meglio invece non ospitare persone di statura superiore a 1,80 m. Anche se la plafoniera è imbottita e ricoperta da una bellissima cover in Alcantara. Le gambe si staccano bene dalla sedia, il che non è necessariamente molto piacevole. È molto diverso sulla panca direttamente nella parte anteriore, dove c’è spazio ovunque.

Il punto di vista del guidatore

Lo spazio di archiviazione è disponibile in tutto il Nio ES8. Solo che non c’è il vano portaoggetti, come sull’Aiways U5. L’autista e il suo vicino di destra sono circondati da zone trapuntate rivestite in pelle con cuciture. I loro sedili sono regolabili elettricamente.

Mentre alcuni produttori trattengono quest’ultimo da una regolazione in altezza, Nio lo rovina semplicemente dandogli una posizione rilassante con un cuscino da sollevare per allungare le gambe. Attenzione che può fare la differenza nella scelta tra diversi modelli di auto elettriche.

Chiaramente, la strumentazione digitale è completata dall’head-up display e dai comandi raggruppati sul volante: a sinistra per gli aiuti alla guida, a destra per la gestione multimediale.

Tutti i sistemi possono essere configurati anche con il tablet impiantato in modalità verticale. Compresi i flussi d’aria nell’abitacolo, stile Tesla. È molto reattiva. Per non lasciare impronte sullo schermo, viene utilizzata una rotellina e dei pulsanti per navigare tra i menu e convalidare le modifiche.

Lavorare

Prima della partenza è possibile regolare elettricamente l’altezza e la profondità del volante. ” Abbiamo una buona visibilità in questo veicolo “Ho notato subito Maxime Fontanier. E questo grazie a un sedile alto, montanti sottili nella parte anteriore, finestrini e specchietti di buone dimensioni e una visuale a 360 gradi.

Il selettore di marcia ha la forma di un grande bilanciere sul lato sinistro della consolle. Lo sterzo è relativamente fluido fin dall’inizio. ” Per un 4×4 con grandi ruote da 21 pollici è abbastanza comodo ”, apprezza il tester videografo mentre sviluppa nelle strade acciottolate di Oslo.

Se la Nio ES8 sembra abbastanza dinamica in città, la sua potenza rigenerativa, anche in modalità sportiva, sembra piuttosto leggera rispetto alla stragrande maggioranza delle altre auto elettriche. Ciò che colpisce quando si guida questo SUV alla moda è il rilevamento da parte delle telecamere di altri utenti della strada e della strada, inclusi pedoni e ciclisti. Il che si traduce nel movimento virtuale della testa o degli occhi di Nomi o in avvisi vocali quando necessario.


Leggi anche
Audi sporge denuncia contro Nio per le sue designazioni

autostrade

Ora che sappiamo che Nomi può parlare, scopriamo anche che esprime la sua disapprovazione quando l’ES8 viene disturbato. ” Lo svantaggio di queste auto connesse è che ti tengono d’occhio. Siamo in una fase intermedia: l’autista non è completamente responsabile, ma l’auto non è completamente autonoma. E finché non abbiamo questa autonomia totale, abbiamo l’auto che ci insegna le lezioni » spiega Maxime Fontanier.

L’ESP entra in gioco girando un po’ bruscamente. Non ha funzionato. Non male per un veicolo così grande. “, assicura il nostro tester per auto.

La macchina pesa ancora 2.425 kg. Grazie ai pneumatici con un profilo relativamente sportivo, l’auto beneficia di una buona aderenza sull’asciutto. Con fondo stradale bagnato, o addirittura scivoloso, sarà ovviamente necessario moderare il suo entusiasmo al volante.

Consumi e autonomia

Durante il nostro test, che includeva città e autostrade trafficate, abbiamo notato un consumo medio di 23,2 kWh/100 km. E questo, senza affollare troppo il Nio ES8.

In queste condizioni, come sperimentano molti automobilisti nell’Ile-de-France, l’autonomia, al limite delle interruzioni di corrente, sarebbe di circa 430 km. Alla fine del percorso, le cifre sono addirittura scese a 21,9 kWh/100 km (456 km).


Prezzi

A Oslo, il Nio ES8 è quotato a 539.000 corone norvegesi. Che produce poco più di 53.000 euro. Ma attenzione: in questo Paese scandinavo non ci sono tasse sulle auto elettriche.

Per la Francia, applicando l’IVA al 20%, si arriva a un prezzo di 63.600 euro. Tuttavia, questo non dovrebbe essere preso alla leggera, poiché i produttori spesso si concedono alcune libertà da un paese all’altro a seconda del supporto fornito o del desiderio di aumentare le vendite in determinate aree.

Anche a questo prezzo, un SUV a 7 posti, con le prestazioni sottolineate dal nostro giornalista specializzato, un’ottima autonomia e una finitura convincente, è motivo di preoccupazione tra i produttori europei.

Ti invitiamo a trova i nostri test delle auto elettriche su Youtube. Iscrivendoti e accettando di ricevere le notifiche, sarai subito informato delle nostre nuove pubblicazioni.


Atlético Madrid: l’arrivo di Koundé al Barça potrebbe essere il Colchoneros. beneficio

Gazprom annuncia ulteriori tagli alle forniture di gas russo all’Europa