in

Test randagio: amerai i gatti anche se non lo fai!

Blue Dodici Studio è una piccola azienda nel sud della Francia che ha ideato un gioco piuttosto attraente in cui i giocatori incarnano un gatto. Stray è nato sulle console di Sony Interactive Entertainment e su PC, inevitabilmente ci siamo imbarcati in questa oppressione felina per darti le nostre impressioni. Ci siamo divertiti? È tempo di rispondere.

Stray è commovente, affascinante e squisito.

smarritoLa parte visiva di Stray è generalmente piacevole. Camminiamo in zone abbastanza ristrette, in generale il rendering è più che evidente per i peepers. Gli ambienti sono ricchi di ogni tipo di dettaglio e i giochi di luce, così come i riflessi, sono attraenti. Ci sono alcuni piccoli difetti nell’area come: scoppiando dove alcune texture si presentano senza preavviso, animazioni un po’ rigide e piccoli bug di collisione. Niente panico, non rovina l’esperienza, il titolo mostra un’accattivante direzione artistica che maschera queste piccole imperfezioni.

Per quanto riguarda la colonna sonora, abbiamo toni che si attaccano all’immagine. Quando siamo inseguiti da piccole creature la musica si fa intensa, quando trasciniamo i piedi le note sono più morbide e lente. È affascinante e divertente da ascoltare. Se lo giochi su a stazione di gioco, la voce del gatto esce dall’altoparlante per immergerti come dovrebbe. In smarrito, quindi interpretiamo un gatto separato dalla sua famiglia che si ritrova in una città cibernetica e misteriosa. Il suo obiettivo? Fuggi dalla scena e trova i suoi cari. La storia è elegante e trasmette messaggi sulla vita, la società e ciò che stiamo perdendo. Nello spirito, questa produzione ci ricorda il lavoro di Yukito Kishiro, gunnm.

Perso 04I controlli sono semplicistici e limitati per certe cose… Possiamo correre e saltare sui muri solo se il gioco ci dà il permesso. Possiamo miagolare anche noi, ma non da soli. Ricorda che siamo un gatto, il che significa che possiamo fare cose da gatto. Che significa ? Possiamo graffiarci sui tappeti (con una certa resistenza dai grilletti del DualSense), graffiare una porta perché qualcuno ci apra, dormire e fare le fusa su un cuscino (de DualSense vibra perfettamente per farci sentire il piccolo ronzio del nostro gatto), nascondersi in una scatola, mettere la testa in un sacchetto di carta o addirittura far cadere le cose da un tavolo con la zampa. Cosa serve? Per niente, tranne che ami così tanto questi animali, sono cavoli.

Per progredire, dobbiamo esplorare aree limitate e risolvere enigmi. Inoltre, il nostro gatto è accompagnato da un piccolo mecca volare, B-12, che ci aiuta nella nostra odissea. alquanto frustrante, i puzzle sono estremamente faciliper una volta non saremmo stati contrari a un piccolo sforzo in più. Inoltre, abbiamo diritto a inseguimenti e fasi di infiltrazione per evitare la monotonia. Il randagio cattura l’attenzione, solo qui è, non ci vuole molto tempo per raggiungere la fine del tunnel. Consenti circa 4 ore per vedere i crediti.

Immagine del test randagio 1

smarrito è accattivante, affascinante e squisito. L’esperienza rimane in mente ed è difficile mettere giù il controller una volta che la bestia ha finito. Quindi sì, gli avanzi possono essere saldati di nuovo in pochissimo tempo, la durata della vita è super breve, ma il titolo segna i fantasmi inviando bellissimi messaggi ai giocatori. Qui abbiamo un classe di miagolii giochi indipendenti che meritavano un’avventura molto più lunga ed emozionante.

Stray è disponibile sul PlayStation Store per € 30, puoi acquistare una scheda PSN su Amazon.

Più

  • Una bella direzione artistica
  • Un buon ambiente sonoro
  • Entra nella pelle di un gatto e fai cose da gatto, divertiti
  • Bellissimi messaggi trasmessi
  • Spinning, ottime sensazioni con il DualSense

l’inferiore

  • È corto, troppo corto, annusa
  • Gli enigmi, troppo facili
  • Presa limitata sui salti

In Tunisia, si teme che il referendum possa finalmente dissipare il miraggio della democrazia

Covid-19 e mestruazioni: donne vaccinate che hanno osservato condizioni invitate a presentare domanda