in

Tour de France: la bimba trattenuta da Lorena Wiebes, prima maglia gialla, non era la sua bimba

TOUR DE FRANCE – Domenica 24 luglio l’olandese Lorena Wiebes (Team DSM) è la prima donna a vestire una maglia gialla dal 1989, grazie al ritorno della Tour de France femminile. La velocista ha celebrato la sua vittoria sul podio con una bambino tra le sue braccia… ma non era suo.

Un bouquet e un leone impagliato in una mano, un bambino nell’altra, Lorena Wiebes si è presentata sul podio dopo aver vinto il circuito in Parigi contro 143 altri ciclisti. Il bambino non sembrava felice di essere lì ed ha espresso la sua rabbia piangendo. Il peluche che il corridore gli ha dato non ha alleviato il suo dolore, come puoi vedere nel video qui sotto.

E giustamente: “Ho fatto una scommessa con un’amica, le ho detto che avrei provato a portarla con me. (…) Non è il mio bambino, altrimenti non credo che sarei potuta essere qui”, ha spiegato. «È una mia buona amica. Scommettiamo che se vinco la tappa e la maglia gialla posso portarlo sul podio. Ha funzionato.”

Vingegaard vittorioso negli uomini

La Grande Boucle per le donne non si sviluppa su tre settimane, come per gli uomini, ma su otto giorni. I corridori dovranno percorrere circa 1000 chilometri fino all’ultima tappa che termina al Super Consiglio di Belle Ragazze domenica 31 luglio.

Per i ragazzi, il Tour si è concluso questa domenica sugli Champs-Elysée. danese Jonas Vingegaard ha vinto il suo primo Giro di Francia, per il doppio vincitore Tadej Pogacar. Il britannico Geraint Thomas completa il podio.

Vedi anche su de Huffpost: Nel Tour de France, questo corridore ha dato tutto per finire (appena) in tempo

Florent Pagny rivela come ha sentito parlare del suo cancro sul set di The Voice, segreti strazianti!

il bombardamento di Odessa indebolisce l’accordo sui cereali, il conflitto entra nel suo sesto mese