in

Un elevato consumo di paracetamolo incoraggerebbe comportamenti rischiosi

Da banco nelle farmacie, il paracetamolo è spesso ben tollerato e raramente responsabile di effetti collaterali. Almeno questo è quello che pensavamo prima che uno studio statunitense suggerisse che questo antidolorifico potesse ostacolare la nostra percezione del rischio e del pericolo.

Il paracetamolo è il farmaco più venduto in Francia, al punto che le loro vendite lo sono limitato a due scatole per cliente dal 21 ottobre Disponibile in farmacia senza prescrizione medica, it rimane la molecola preferita nel dolore e/o nella febbre, una compressa da 1000 mg ogni 6 ore. Tuttavia, il meccanismo d’azione contro il dolore è ancora sconosciuto. I ricercatori della Ohio State University sono persino riusciti a dimostrare che un elevato consumo di paracetamolo influisce sulla nostra percezione del dolore e sul nostro comportamento nei confronti degli altri.

Il paracetamolo aumenta l’assunzione di rischi

Alla fine, sono stati condotti tre studi sperimentali su un totale di 545 studenti. Nella prima, 189 persone hanno ricevuto 1 grammo di paracetamolo, la dose generalmente consigliata per un adulto con mal di testa. Un’altra parte ha ricevuto un placebo con lo stesso aspetto. Quindi i partecipanti a questo studio hanno valutato il rischio che pensavano di correre durante varie attività e situazioni su una scala da 1 a 7. I risultati, pubblicati sulla rivista Neuroscienze socio-cognitive e affettive, ha dimostrato che le persone a cui è stato somministrato paracetamolo hanno valutato attività meno rischiose note come “pericolose”, come il bungee jumping, tornare a casa da soli la sera in un quartiere pericoloso o seguire un corso di paracadutismo. Compito di rischio analogico a palloncino (BART), in cui è stata data loro la possibilità di guadagnare denaro con un semplice clic facendo esplodere un palloncino tramite un computer. Più si preme il pulsante, più grande è il palloncino, ma maggiore è il rischio che scoppi.

Un grave impatto sulle attività della vita quotidiana

I partecipanti hanno quindi eseguito un’attività denominata Compito di rischio analogico a palloncino (BART), in cui è stata data loro la possibilità di guadagnare denaro con un semplice clic facendo esplodere un palloncino tramite un computer. Più si preme il pulsante, più grande è il palloncino, ma maggiore è il rischio che scoppi. I risultati hanno mostrato che i partecipanti che avevano assunto il paracetamolo avevano maggiori probabilità di continuare a gonfiare il palloncino e alla fine farlo scoppiare. Al contrario, i partecipanti che assumevano il placebo erano più cauti, e più ansioso al pensiero che esplode. “Il paracetamolo sembra indurre le persone a provare emozioni meno negative quando considerano attività rischiose. Non sono così spaventati’ Modo detto. Alla luce di questi risultati, comprendiamo che l’assunzione di paracetamolo è del tutto incompatibile con alcune attività comuni, come ad esempio la guida, sport estremi, o alcune occupazioni considerate pericolose. “Abbiamo davvero bisogno di più ricerche sugli effetti del paracetamolo e di altri farmaci da banco sulle scelte e sui rischi che corriamo.“, conclude lo specialista.

Potrebbero interessarti anche:

Paracetamolo: dai farmacisti non ne riceverai più di due scatole quest’inverno

Il paracetamolo aumenta la pressione sanguigna?

Paracetamolo o ibuprofene: come scegliere il tuo antidolorifico?

tasso di vaccinazione tra i più bassi al mondo

Covid 19: questo nuovo effetto collaterale inaspettato nelle persone infette.