in

Un Tarnais racconta come un ictus “gli ha salvato la vita”

il necessario
Stéphane Poirel ha avuto un ictus nel 2016. Dopo dieci giorni in ospedale, una lunga riabilitazione in clinica e due anni di fisioterapia, questo residente di Dourgne (Tarn) è considerato un miracolo. Oggi, in un libro “A Stroke Saved My Life”, racconta la sua travolgente prova e la sua vita dopo.

Stéphane Poirel, 55 anni, regista di film aziendali e siti web, vive a Dourgne dal 2016, data del suo ictus. Dieci giorni di ricovero, tre mesi di riabilitazione funzionale in clinica, due anni di fisioterapia. Come si vive con un ictus? Come ricostruire dopo l’incidente? “Perché non racconti la tua storia? ‘ chiese il suo compagno, quando era quasi costretto a letto in questo reparto di neurologia. Ottimo suggerimento, quindi scrivendo la sua storia in un libro intitolato “A Stroke Saved My Life”.

Una testimonianza raccontata in quattro parti

“Lascia che te lo dica, con un tocco di umorismo, perché ne ho bisogno, come ho affrontato la sfida più grande che ci sia. È un calvario schiacciante che ti catapulta nell’ignoto… Ma poi devi ricostruirti. Il modo migliore per farlo è stabilire obiettivi e una strategia per raggiungerli. L’analisi fredda e consentirà la resilienza: uno stato mentale che porta a scalare il nostro Everest per la conquista di noi stessi ci ha detto.

Questa testimonianza è raccontata in quattro parti: la vita sotto pressione che ci mettiamo addosso, l’incidente stesso e le sue cure in ospedale, la ricostruzione in clinica e poi nella vita reale. Questa ricostruzione si estende per diversi anni, mentre l’incidente dura una frazione di secondo. Una storia che dà “pesca”, raccontata con umorismo, e che è molto facile da leggere. Già molti feedback e testimonianze da parte dei lettori.

È possibile consultare il sito Web di Stéphane: renaissance-avc.fr
Potete trovare il suo libro “Renaissance – A Stroke Saved My Life” sul sito “Lys Bleu Edition” e nei consueti canali.

varato il piano nazionale bianco

vantaggi e limiti di questa bevanda