in

Verbale del Consiglio dei ministri del 20 luglio 2022

Il Ministro per la Transizione Ecologica e la Coesione Territoriale e il Ministro Delegato al Ministro per la Transizione Ecologica e la Coesione Territoriale incaricato dei Trasporti hanno presentato un disegno di legge di ratifica delle norme adottate sulla base degli articoli 1 e 12 della Legge n. 2021-1308 del 8 ottobre 2021 su diverse disposizioni per il ravvicinamento al diritto dell’Unione europea in materia di trasporti, ambiente, economia e finanza.

1. Il regolamento (UE) 2018/1042 della Commissione, del 23 luglio 2018, adottato a seguito dell’incidente di Germanwings nel 2015, richiede alle autorità europee dell’aviazione civile di eseguire test di alcolemia (ed eventualmente altre sostanze psicoattive) sui membri dell’equipaggio di condotta e di cabina degli aeromobili che utilizzano gli aeroporti .

Il regolamento n. 2022-830 del 1 giugno 2022 sul controllo dei livelli di alcol nel sangue e sull’uso di sostanze stupefacenti nell’aviazione civile consente quindi di rilevare alcol e sostanze stupefacenti da parte della gendarmeria e della polizia nell’equipaggio di condotta e nei membri dell’equipaggio di cabina, così come altre persone coinvolte nell’esercizio dell’aeromobile.

Prevede, inoltre, provvedimenti amministrativi per il mantenimento e la sospensione delle licenze o permessi all’esercizio del personale interessato, e prevede un sistema di sanzioni penali in caso di positivo test o in caso di rifiuto a sottoporsi allo screening.

2. Inoltre, negli ultimi anni è aumentato in modo allarmante il fenomeno dei disagi ai passeggeri aerei. Non solo ostacola lo svolgimento dei compiti dell’equipaggio dell’aeromobile, come garantire il regolare svolgimento dei voli, ma minaccia anche tutte le persone a bordo, compresi gli altri passeggeri.

Di fronte a questo fenomeno, il Regolamento n. 2022-831 del 1 giugno 2022 che istituisce un sistema di sanzioni amministrative e penali per reprimere i comportamenti dei passeggeri aerei di disturbo rafforza il quadro giuridico esistente creando un sistema di sanzioni amministrative. pronunciato dall’organo di governo competente nei confronti di un passeggero perturbatore che, durante un volo operato nel trasporto aereo pubblico da un vettore francese, interferisce con l’esercizio delle funzioni di sicurezza dell’equipaggio di condotta o rifiuta di rispettare un’istruzione di sicurezza impartita dall’equipaggio di condotta .

Sono previste due categorie di sanzioni:

  • sanzione amministrativa fino a 10.000 euro per violazione rilevata (probabilmente raddoppiata se ripetuta) e divieto d’imbarco per un periodo massimo di due anni (quattro anni se ripetuto), a bordo di aeromobili di una compagnia francese.
  • la possibilità di mettere in pericolo l’incolumità di un aeromobile in volo mediante la distruzione volontaria, il degrado o il danneggiamento di uno qualsiasi degli elementi dell’aeromobile o dei dispositivi di sicurezza a bordo con la reclusione di cinque anni e la multa di 75.000 euro.

Con questo nuovo sistema, il governo sta dimostrando il suo forte impegno per la sicurezza aerea e la sua determinazione a resistere a questo comportamento riprovevole.

Il Mali espelle il portavoce della missione Onu

un cane salva la vita del suo padrone caduto in un crepaccio aiutando i soccorritori a trovarlo