in

VIDEO. Scopre una lucertola nel suo hamburger e presenta una denuncia contro McDonald’s

il necessario
Brutta sorpresa per un cliente McDonald’s a Sain-Witz, in Val-d’Oise. Ha scoperto una lucertola morta nel suo hamburger e quindi ha deciso di citare in giudizio il marchio.

Lo scorso dicembre un cliente di un KFC a Twickenham (Inghilterra) trovato un’intera testa di pollo nel suo ordine?. Ma il McDonald’s di Sain-Witz (Val-d’Oise) ha fatto di più: una donna ha trovato una lucertola nel suo hamburger nel febbraio 2021 il parigino.

Tutto inizia con un ordine tramite UberEats. Paméla (il nome è stato cambiato) ordina un Big Tasty (un noto hamburger del marchio, ndr) al ristorante Saint-Witz. Dopo aver preso il suo menu, la giovane donna si siede con un’amica, addenta il suo panino e poi lo sputa. “Ho sentito qualcosa di strano. L’ho aperto e poi ho scoperto una lucertola schiacciata le cui interiora stavano uscendo”, spiega ai nostri colleghi. “Era ben ricoperto di sugo, deve averlo visto la cuoca”, testimonia l’amica.

Preoccupato, il cliente si reca in negozio la sera stessa. “Ho avuto l’impressione che non fossero affatto sorpresi. Il cuoco è andato dietro e non è venuto a trovarci in nessun momento. Il manager non c’era”, dice. Riceve un compenso (sconto del 10% sul pasto successivo) e uno dei dipendenti rivuole l’hamburger. Lei rifiuta.

Mettere in pericolo la vita degli altri

Il giorno dopo, Pamela è sopraffatta dalla nausea. Va da un medico, che le prescrive gli antibiotici. In precedenza aveva smesso di allattare al seno suo figlio, che allora aveva 8 mesi, per paura che il rettile fosse portatore di una malattia. Preoccupata, decide infine di rivolgersi a un avvocato, che arriva addirittura a tenere la lucertola in frigorifero per diverse settimane per effettuare eventuali analisi. Quest’ultimo chiede a McDo di comparire in tribunale per aver messo in pericolo la vita di altri. L’udienza, che si svolgerà nel febbraio 2023, si svolgerà presso il tribunale di Pontoise.

Dal canto suo, la dirigenza del marchio Saint-Witz assicura che “mentre è stata svolta subito un’indagine interna all’epoca dei fatti, nel febbraio 2021. Non sono state rilevate non conformità”. Infine, indica che “la direzione del ristorante Saint-Witz continuerà a fornire alla giustizia gli elementi necessari nel contesto di questo caso”.

Si fa complicato per Skriniar, due reclute attese entro mercoledì

La regione di Kherson è stata “finalmente liberata” a settembre, afferma un funzionario locale