in

Voltarène, Smecta, Vogalib… La rivista “Prescrire” pubblica un elenco di 107 farmaci da evitare

Per il undicesimo anno consecutivorevisione Prescrivere pubblicato, questo mercoledì 7 dicembre 2022, l’elenco di medicinali Buttar via “trattare meglio”. Vengono così selezionati 107 medicinali, di cui 88 commercializzati in Francia.

Hanno tutti un’autorizzazione all’immissione in commercio, francese o europea, e “Prescrire” li ha sottoposti a una rigorosa valutazione basata su ricerche documentarie, criteri di efficacia pertinenti per i pazienti e considerazione degli effetti collaterali.

Droghe più pericolose che utili

I 107 medicinali denunciati in questo modo dalla rivista di settore “un rapporto rischio-beneficio sfavorevole in tutte le situazioni cliniche in cui sono approvati”.

Nello specifico, questi farmaci sono considerati più pericolosi che utili. A volte può essere solo una forma o un dosaggio specifico. La rivista specializzata, scritta in gran parte da operatori sanitari, spiega caso per caso il motivo degli sfavorevoli rapporti beneficio-rischio. Ove possibile, vengono offerte alternative più vantaggiose per i pazienti.

Tre nuovi farmaci “da escludere”

Tre nuovi farmaci sono sulla lista Prescrivere per il 2023. Tra questi: una polvere di semi di arachidi con proteine ​​di arachidi. Utilizzato per la desensibilizzazione nei casi di allergia alle arachidi, in realtà aumenterebbe “la frequenza delle reazioni allergiche dei pazienti”, spiega la rivista nella sua recensione.

Un altro farmaco sconsigliato ora: il roxadustat, utilizzato nell’anemia associata a insufficienza renale cronica. La sostanza “sembra aumentare la mortalità in alcuni pazienti”, dice nel rapporto Prescrivere.

Usato “in caso di grave diarrea”, anche la tintura di oppio è nell’elenco delle droghe da escludere. Porterebbe davvero “nessun beneficio clinico rispetto alla loperamide, un oppioide commercializzato solo in questa situazione”.

Rivalutazioni del rapporto rischio-beneficio

Anche Nintedanib torna nell’elenco, dopo essere stato eliminato nel 2020. In particolare, viene utilizzato per alcuni tumori bronchiali e per alcune malattie polmonari croniche. Dopo la rivalutazione, Prescrivere crede che lo siano “il rapporto rischio-beneficio è sfavorevole”.

Idebenone e teriflunomide sono stati rimossi dall’elenco “per rivalutazione”.

Delle 88 droghe “Buttar via”, sono alcuni dei prodotti comunemente usati dai francesi. La diosmectite, usata specialmente a Smecta, non è raccomandata “a causa della naturale contaminazione da piombo”. Lo stesso vale per la metopimazina, usata in Vogalib, che smaschera “aritmie cardiache, ictus ischemico e morte improvvisa”. L’alfa-amilasi, presente nello sciroppo per la tosse Maxilase, esporrebbe “a volte gravi condizioni allergiche della pelle”. Il diclofenac orale, utilizzato specificamente nel Voltarene, espone le persone a effetti cardiovascolari avversi, indica Prescrivereinclusi ictus e insufficienza cardiaca.

Questo studio risponde a coloro che pensano che non puoi “prendere il raffreddore”.

Covid nei Pirenei Orientali: 4 pazienti in terapia intensiva e 19 in ospedale