in

Yann Fossurier: “Alla fine penso che i tifosi del Bordeaux possano ringraziare il DNCG per questa determinazione”


Yann Fossuriergiornalista francese 3 Hauts-de-France, ha parlato del DNCG, affrontando i Girondins de Bordeaux, che, secondo lui, hanno ora soddisfatto le sue aspettative.

“Il DNCG è il supervisore finanziario di una competizione sportiva, cosa che il tribunale commerciale non è. Il DNCG applica regole comuni che si applicano a tutti i partecipanti. Lì, a priori, se gli elementi comunicati dalla stampa sui Girondini sono corretti, dovrebbe riuscire. Ma penso che il club non sia immune dall’adozione di misure di supervisione dal DNCG. In definitiva, penso che i tifosi del Bordeaux potranno ringraziare il DNCG per questa determinazione, poiché ha spinto Gérard Lopez e i suoi creditori a dare garanzie leggermente più credibili. E queste garanzie, secondo me, hanno fatto vendere anche Sékou Mara. possibile […] Il DNCG è in realtà qualcosa di super semplice e basilare. Hai una corrente, una previsione, una previsione su 3 anni, una colonna delle entrate, una colonna dei costi, un piano di flusso di cassa e se c’è un problema, ti chiediamo delle garanzie. Punto. Ogni stagione, il 90% dei club, o anche di più, supera l’esame DNCG senza alcun problema. Casi come quello di Bordeaux sono molto rari”.

Il giornalista ha anche espresso i suoi sentimenti per gli “evidenti errori” denunciati dai vertici del Bordeaux.

“La storia del ‘difetto evidente’ è pignola. Non ha influito nel merito della causa e del problema. Perché altrimenti hai cambiato tono sulla garanzia di 14 milioni di dollari e sul debito? Sì, è pignolo perché non cambia nulla nella parte inferiore del case. La storia della confusione sospensiva/risolutiva non cambia il fatto che il piano fosse soggetto al mantenimento dei Girondins in Ligue 2. Almeno alla data del contributo iniziale di 10 milioni di euro se ne era tenuto conto”.

Le 13 migliori stelle dimenticate degli anni ’90 I bei vecchi tempi

Mercato: perché le banche centrali alzano i tassi di interesse per frenare l’inflazione?