in

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos’è questo vecchio gioco cult?

Novità sul gioco ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos’è questo vecchio gioco cult?

Se segui la community francese di Twitch, avrai sicuramente visto ZeratoR e il Joueur du Grenier suonare insieme in un certo Dark Age of Camelot, meglio conosciuto come DAoC. Se questo nome potrebbe non significare nulla per te, è perfettamente normale perché è un vecchio gioco e tuttavia un culto.

Panoramica

  • Un MMORPG che resiste ancora vent’anni dopo
  • Dark Age of Camelot, in particolare PVP
  • Una sfida ZEvent a cui puoi partecipare!

Tra le sfide dello ZEvent troviamo proprio di tutto e il contrario. Se molti di loro hanno bisogno di una grande organizzazione data la loro ambizione, altri, più modesti, non sono meno interessanti. Quindi durante la scorsa edizione, ZeratoR aveva fissato in donazione 175.000 € di, cito”sforzati di essere immortale valoroso o PEX lvl max su DAoC“basato sulla voce del gatto. Alla fine è stato il secondo a vincere e a portare a termine questa sfida, lo streamer di Montpellier si è affiancato al giocatore del Grenier per rilanciare questo antico titolo cult. L’età oscura di Camelotmeglio conosciuto come DaoC.

Un MMORPG che resiste ancora vent’anni dopo

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

Dark Age of Camelot, originariamente pubblicato nel 2001 su PC, è quindi un MMORPG (gioco di ruolo multiplayer di massa) sviluppato da Mythic Entertainment e pubblicato da Electronic Arts. Il titolo è diviso in tre diverse fazioni a cui i giocatori si uniscono all’inizio del gioco e combattono costantemente tra loro nelle zone PVP. (Players vs Players, cioè battaglie tra giocatori). Troviamo così Albion che, come suggerisce il nome, si ispira alla leggenda arturiana e quindi alla Gran Bretagna, il regno piuttosto fantasy di Hibernia con le sue creature magiche e magiche che ricordano l’Irlanda, e infine Midgard, che è senza dubbio un mondo innevato pieno di troll e nani, ispirato alla mitologia norrena.

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

Uno dei primi punti di forza del titolo è che ognuno dei tre paesi è molto diverso da questi rivali. A parte l’estetica delle loro città e del loro ambiente, non troviamo necessariamente le stesse razze da una fazione all’altra, né le stesse classi, che conferisce a ogni campo una vera identità. Inoltre, quando uscì nei primi anni 2000, il titolo si distinse dalla concorrenza principalmente per la sua grafica 3D, ma soprattutto per i suoi server in grado di gestire un gran numero di giocatori contemporaneamente, che non necessariamente all’epoca vinsero. Basandosi sul suo successo, il titolo aveva ovviamente diritto a estensioni fino al 2007, in numero di sette, e ora include 21 razze e 44 classi giocabili.

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?
ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

Per quanto riguarda il gioco, abbiamo innanzitutto una sezione PVE (Player Versus Environment, ovvero affrontare mostri controllati dall’intelligenza artificiale) che permette di guadagnare livelli. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che il titolo è già stato rilasciato in precedenza Mondo di Warcraft e che alcune opzioni di comfort che sono diventate standard in questi giorni non sono presenti nel gioco originale. Ad esempio, all’inizio non c’erano missioni di cui parlare e dovevi uccidere i nemici in un loop per guadagnare livelli. Quindi auguriamo a ZeratoR buona fortuna per raggiungere il livello massimo…

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

Inoltre, tutte le classi rispettano rigorosamente il loro ruolo e non possono fare tutto come può essere il caso nei più recenti MMORPG. Ad esempio, un guaritore (classe che cura) è davvero inefficace in combattimento, mentre un tank (classe che subisce danni ai suoi compagni) impiegherà molto tempo per sconfiggere il suo avversario. Pertanto, per acquisire esperienza facilmente, è necessario formare un gruppo con i giocatori per creare sinergie ed essere efficaci.. Tuttavia, a differenza di altri titoli dello stesso genere usciti all’epoca, DAoC offre scorciatoie di abilità che, credetemi, non erano il caso di tutti. Nonostante tutto, siamo ancora di fronte a un gioco che ha più di vent’anni e quindi oggi abbastanza difficile da accedere, se non altro per la sua grafica, tanto più che si tratta di un MMORPG, un genere i cui codici si sono evoluti molto da allora l’uscita di WoW.

Dark Age of Camelot, in particolare PVP

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

Molto più che per il suo PVE, se Dark Age of Camelot è uno dei vecchi MMORPG ancora online decenni dopo la sua uscita come Ultima in linea, EverQuest Dove Final Fantasy XI in lineaè grazie al suo PVP, ovvero gli scontri tra giocatori. Più specificamente, questa modalità è qui chiamata RvR, Kingdom to Kingdom. Nello specifico, ognuno dei tre ha una zona di confine che è a contatto con quella degli altri ed è protetta da un castello che funge da roccaforte da difendere. Oltre al divertimento del gioco, la vera importanza di questa modalità è soprattutto quella di poter recuperare le reliquie altrui.

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

In effetti, ogni fazione ha due reliquie, una garantisce bonus di forza e la seconda bonus di mana. Per entrambe le parti opposte, l’obiettivo è mettere le mani su queste reliquie per sfruttare questi potenziamenti caratteristiche e quindi essere più efficaci sul campo di battaglia. Tuttavia, più reliquie ha un regno, più deboli sono le sue difese della fortezza, con un minor numero di guardie che alla fine non avvertono più se un attacco devia da una certa rotta, il che significa che i nemici possono recuperare le reliquie più facilmente. Quindi è un equilibrio sottile che deve essere costantemente protetto per sperare di beneficiare dei bonus. È chiaro che è proprio grazie a questa modalità di gioco che il titolo è disponibile ancora oggi e che può contare su una community di giocatori fedeli.

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

Molti giocatori hanno ricordi molto affettuosi di questi scontri epici, a cominciare dal JDG che ne ha parlato molto sul suo canale YouTube secondario, le Bazar du Grenier. Grande giocatore di MMORPG da sempre, quest’ultimo si è fatto le ossa soprattutto in Dark Age of Camelot come lo racconta con una certa nostalgia nell’episodio di “Questi giochi che mi segnano” che potete vedere di seguito. Inoltre, è per questo motivo che, con la sua esperienza, accompagna ZeratoR per il suo ritorno al gioco, anche se il fondatore ZEvent conosce molto bene anche il titolo.

Una sfida ZEvent a cui puoi partecipare!

ZEvent Challenge: ZeratoR e JDG su DAoC, cos'è questo vecchio gioco cult?

Ora che hai individuato la natura del titolo, capisci meglio perché la sfida di ZeratoR è particolarmente audace. Fortunatamente, per raggiungere il livello massimo, può contare sull’aiuto di altri streamer, oltre a JDG, come Gius, Lapi o anche Lyk. Questa settimana di riscoperta del gioco dovrebbe durare fino al 24 luglio, che è domenica, ma puoi anche parteciparvi a modo tuo. In effetti, Dark Age of Camelot è ora libero di giocare e quindi libero di giocare fino al livello 50 e superiori senza dover pagare un abbonamento, ma con alcune limitazioni ovviamente.

Se vuoi unirti a questa avventura, sappi che tutta questa squadra gioca sul server privato gratuito Uthgard e per l’occasione è stato creato un Discord, puoi anche Iscriviti qui. Tuttavia, in un tweet pubblicato lunedì, ZeratoR chiede ancora a coloro che sarebbero tentati di andare dalle fazioni di Albion e Midgard per bilanciare il server. Quest’ultimo è stato anche oggetto di un picco di 500 giocatori la notte del lancio dell’operazione, il che, francamente, non è male per un gioco di 20 anni. Ad ogni modo, non resta che aspettare domenica per scoprire se ZeratoR ha superato la sfida dell’evento Z 2021.

I jihadisti Jnim rivendicano l’attacco alla città di guarnigione di Kati

Perché il francese è la lingua del rap